Nuovo regolamento antenne a Mogliano: «Nessuna attivazione 5G»

Il consiglio comunale giovedì 9 luglio si appresta ad approvare il regolamento elaborato con la società Polab: numerosi vantaggi grazie a una programmazione tempestiva delle reti

Antenna 5G

Il Consiglio comunale di Mogliano Veneto giovedì si appresta ad approvare il regolamento antenne elaborato con il supporto della società Polab: un processo che determina numerosi vantaggi grazie a una programmazione tempestiva delle reti di telecomunicazioni secondo i criteri più cautelativi. Un tema quanto mai discusso e di attenzione per la popolazione e i portatori d’interessi diffusi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle prossime ore il regolamento sarà presentato a consiglieri e ai presidenti di quartiere durante la seconda commissione consiliare, presieduta dal consigliere Nico Zane. Una distribuzione adeguata dei servizi, con minimizzazione dei rischi dovuti alle esposizioni ai campi elettromagnetici, al momento è l’unico strumento consolidato per governare il processo realizzativo delle reti di telecomunicazione, equiparate dallo Stato alle opere di urbanizzazione primarie e pertanto non derogabili nella fruibilità del servizio. Oltre alla pianificazione preventiva, il regolamento comunale permette di analizzare tutte le sezioni ottimali in ottica di sostenibilità delle infrastrutture, togliendo agli operatori la possibilità di una gestione autonoma incontrollata. Quella dei regolamenti antenne, è comunemente riconosciuta come pratica virtuosa nella gestione amministrativa dei procedimenti coinvolti. Partendo dai piani di sviluppo delle compagnie, il Comune ha elaborato le analisi a supporto della decisione di scegliere determinate aree in modo da dare evidenza all’approccio cautelativo scelto, anche grazie allo studio dei livelli d’impatto dei campi elettromagnetici sulla popolazione. Ogni altra installazione su territorio comunale, non può prescindere dal regolamento approvato dall’Amministrazione, sulla base della programmazione annuale. «Ogni buona amministrazione - spiega il sindaco Davide Bortolato - deve prevedere e organizzare nel modo più cautelativo possibile per la cittadinanza il Regolamento delle Antenne, fondamentale strumento di crescita tecnologica e di avanguardia per la città. Tengo particolarmente a sottolineare che nel suddetto Regolamento Antenne non è presente alcuna attivazione 5G».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento