menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ponte della Priula: riapre la storica "Locanda del Papa"

L'inaugurazione si terrà martedì 10 settembre alle ore 19 alla presenza del vicepresidente della Regione Veneto Federico Caner e del sindaco di Susegana, Vincenza Scarpa

Era un'antica locanda che dava ristoro a chi transitava sul ponte della Priula, testimoniato sin dall'epoca romana: prima in legno e, da oltre un secolo, in muratura. Si è ora rinnovata, grazie alla famiglia Nadal (Valerio con la moglie Diana e i figli Alberto ed Enrico), storici viticoltori che a poca distanza producono i vini della tradizione del Piave, nel rispetto dell'ambiente e senza diserbanti: è Cà di Ponte, ristorante e albergo, che verrà inaugurata ufficialmente martedì 10 settembre alle ore 19 alla presenza del vicepresidente della Regione Veneto e assessore al Turismo Federico Caner e del sindaco di Susegana Vincenza Scarpa. 

La locanda attraverso i secoli ha visto transitare eserciti e personaggi illustri: uno per tutti, il papa Pio VI, che nel 1782 si mise in viaggio per Vienna per incontrare il nuovo imperatore Giuseppe II, figlio di Maria Teresa d'Austria. Il papa e il suo corteggio attraversarono il Piave diretti a Sacile, accolti sulla sponda destra e su quella sinistra da folle di devoti. E' certo che Pio VI scese dalla carrozza più volte per benedire i fedeli che si accalcavano lungo la strada: a quei tempi i viaggi papali erano una novità assoluta e da secoli i pontefici non oltrepassavano i confini dello Stato della Chiesa. In tempi più recenti il Piave, fiume sacro alla Patria, fu teatro della grande battaglia nel corso della quale anche il castello medioevale di Susegana fu pressoché distrutto. Le locande furono requisite per alloggiare i feriti e così anche le strutture da sempre destinate all'ospitalità e alla ristorazione diedero il loro contributo di solidarietà. «Proprio per questi trascorsi - afferma Valerio Nadal - chiederemo per Cà di Ponte l'adesione ai Locali storici d'Italia. E per rimarcare la nostra volontà di innovare nella tradizione, secondo la logica del riconoscimento Unesco che da poco ha decretato Conegliano e Valdobbiadene Patrimonio dell'umanità, abbiamo, ad esempio, intitolato le stanze dell'albergo ai vitigni del territorio: Marzemino, Boschera, Perera, Manzoni Rosa, e, naturalmente, Refosco, Pinot Grigio, Pinot Nero, Prosecco, Raboso». Il locale offre ristorazione d'eccellenza sia di carne che di pesce, ma anche soluzioni più semplici per la pausa pranzo o per gli aperitivi. Anche Cà di Ponte si inserisce nel nuovo progetto per l'enoturismo sostenibile dell'intero territorio limitrofo al Piave, che prevede, tra l'altro, la ciclovia dalle Dolomiti al mare, dopo il recente restauro del ponte sul fiume. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

  • Incidenti stradali

    Finisce fuori strada con l'auto, ferito un 29enne

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento