Parrucchieri ed estetiste: nuovo appello per la riapertura anticipata

Cna Treviso si è rivolta ai consiglieri regionali trevigiani per sollecitare un nuovo provvedimento che preveda la ripresa delle attività rispettando il nuovo protocollo sicurezza

«Estetiste e acconciatori incassano ogni giorno solidarietà da politici e rappresentanti delle istituzioni ma la amara realtà è che li continuano a tenere chiusi, mentre i loro colleghi tedeschi hanno già riaperto lunedì 4 maggio e da noi categorie come dentisti, fisioterapisti, etc. hanno già regolarmente ripreso a lavorare. Abbiamo predisposto il protocollo aziendale anti-contagio per le loro categorie: possono riaprire in sicurezza».

A dirlo è Alfonso Lorenzetto, presidente di Cna Treviso. L’associazione degli artigiani ha lanciato in queste ore un appello ai consiglieri regionali eletti in Provincia di Treviso affinché la Regione Veneto preveda la riapertura delle attività di queste categorie di lavoratori e chiede inoltre alla Regione Veneto contributi a fondo perduto per queste categorie di artigiani sulla scorta di quanto fatto da altre Regioni italiane. «Notiamo che c’è molta attenzione nel definire le categorie di “congiunti” da poter visitare e le attività motorie o sportive da poter svolgere - rileva Lorenzetto – ma nessuna attenzione per queste categorie di artigiani, i quali non hanno ricevuto nulla se non 600 euro». Il protocollo anti-contagio predisposto da Cna Treviso include le linee guida per la sicurezza nei luoghi di lavoro, licenziate dalla Regione Veneto il 29 aprile scorso, e un sistema di regole specifiche per i settori dell’acconciatura, dell’estetica e degli altri imprenditori del servizi alla persona che secondo il dpcm del 26 aprile scorso dovrebbero riaprire solo il 1º giugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ci sono pratiche anti-contagio che valgono per tutti i lavoratori e pratiche specifiche per queste categorie, come ad esempio la programmazione degli appuntamenti per non creare attese e avere il tempo per sanificare i locali – spiega Francesca Peltrera, responsabile Sicurezza di Cna Treviso - Serve molta attenzione ora perché siamo in una fase di convivenza con il virus e, se non agiamo tutti con la massima prudenza, sia nei luoghi di lavoro che fuori, potrebbe ripartire la catena dei contagi». Il protocollo anti-contagio di Cna dettaglia i comportamenti da tenere e le prassi da adottare in materia di: accoglienza del cliente; modalità di svolgimento dell’attività e utilizzo dei DPI; pulizia degli ambienti, degli strumenti, degli indumenti e della biancheria del lavoro e gestione dei collaboratori/dipendenti. «Chiediamo alla Regione Veneto di fare come altre Regioni italiane, che hanno integrato i provvedimenti del governo con loro risorse dando contributo a fondo perduto per le piccole e medie imprese e per i lavoratori autonomi» conclude Lorenzetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento