menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto la Sme di Susegana

In foto la Sme di Susegana

Fase 2, riapre la Sme a Susegana: «Apertura in sicurezza»

Lo scorso 4 maggio aveva riaperto solo il reparto elettronica. Dal 18 maggio, invece, verrà riaperto l'intero punto vendita. Installati visiere, plexiglas e nastri distanziatori

Il negozio Sme di Susegana riapre in totale sicurezza, con l’accesso alla cassa integrazione straordinaria per i 136 dipendenti garantendosi un arco temporale ampio e con un Protocollo siglato con tutte le organizzazioni sindacali,  i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza e  i medici dello Spisal. 

L’accordo Sme è un esempio di contrattazione territoriale realizzato  grazie ad EBiCom, Ente Bilaterale del terziario, che in questa crisi sta svolgendo il ruolo di “cabina di regia” garantendo semplificazione, velocità, sicurezza ed accordi aziendali efficaci. Sme esce dunque dal lungo lockdown iniziato lo scorso 12 marzo. Lo scorso 4 maggio aveva riaperto solo il reparto elettronica. Dal 18 maggio, invece, verrà riaperto l’intero negozio e la flessibilità del protocollo siglato il 29 aprile, come spiega il responsabile dei servizi sindacali di Unascom Confcommercio, Luca Bertuola. Autocertificazione per la febbre, visiere, plexiglas, nastri distanziatori solo per citarne alcuni, non solo garantiscono la qualità della riapertura ma sono il segno evidente dell’impegno responsabile delle imprese del commercio”.

«La chiusura totale dei punti vendita dal 12 marzo al 3 maggio – spiega il direttore Paolo Anastasia – è stato un sacrificio molto pesante, e lo immaginiamo anche per i clienti. Lo abbiamo sostenuto con la convinzione che fosse un contributo importante al contenimento della diffusione del coronavirus o Covid 19. Per la riapertura abbiamo lavorato con Confcommercio e con le Organizzazioni Sindacali e abbiamo adeguato i nostri punti vendita alle disposizioni per la prevenzione nell'emergenza Covid-19. Il protocollo siglato è molto importante, è a garanzia della sicurezza dei nostri dipendenti e dei clienti che si rivolgono a noi. Dall'emergenza possiamo, e dobbiamo, uscirne con la convinzione che abbiamo gli strumenti in mano per lavorare e acquistare tutti in tranquillità».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Con un "gratta e vinci" da 5 euro ne vince 500mila

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento