I lati oscuri dell'etilometro: una ricerca trevigiana ne svela le inaffidabilità

L'avvocato Fabio Capraro, il perito Giorgio Marcon e altri 7 professionisti hanno presentato i dati di uno studio sulla tecnologia e la legge al servizio dell’automobilista

Un etilometro oggi in uso alle forze dell'ordine

Molto spesso bastano i dati riportati dallo “scontrino”, la strisciolina di carta che esce dall'etilometro nel corso di un controllo su strada, per far decidere ad un giudice di condannare un automobilista per l'accusa di guida in stato di ebbrezza. Ma, con frequenza crescente, si susseguono anche casi di magistrati i quali ritengono troppo ambiguo il referto elettronico, specie se i valori rilevati superano di poco i limiti di legge. Tutto questo perché gli strumenti in dotazione alle forze di polizia hanno un peccato originale, mancano cioè di quella “certificazione di qualità” definita come omologazione, una procedura che deve essere prevista da un decreto ministeriale ad oggi ancora mai promulgato.

Questo e diversi altri aspetti sono affrontati in una ricerca diventata libro, dal titolo “L’etilometro e i suoi lati oscuri. Tecnologia e legge al servizio dell’automobilista” (edito da Piazza Editore e disponibile dai primi giorni di settembre), firmata dall'avvocato trevigiano Fabio Capraro e dal perito Giorgio Marcon, e redatta grazie alla consulenza di un gruppo di studio composto da esperti di più discipline di varie città italiane composto oltre che dall’ Avv. Fabio Capraro, dal Perito Giorgio Marcon e dalla Dott.ssa Valentina Checchin di Treviso anche dall’Avv. Paolo Maria Storani di Macerata, dall’Avv. Gian Paolo Babini e dall’Avv. Barbara Sedioli entrambi di Ravenna, dall’Avv. Fabio Bazzani di Modena, dall’Avv. Aldo Masserut di  Pordenone e dal Perito Mauro Visani di Imola.

«Il limite fondamentale degli etilometri normalmente in uso – spiega l’avvocato trevigiano Fabio Capraro durante la presentazione della ricerca-libro giovedì in piazza dei Signori a Treviso – è la possibilità di essere 'ingannati' da sostanze contenute nell'alito del soggetto sottoposto a test che vengono scambiate per alcol pur avendo origini di tutt'altra natura, spesso generate in modo naturale dalla persona esaminata. Non a caso – prosegue Capraro – il Tar del Veneto e lo stesso Consiglio di Stato hanno più volte ribadito che riscontri certi sullo stato di ebbrezza o meno di un automobilista sottoposto alla verifica su strada possono giungere solo da un prelievo di sangue. Inoltre, dalle ricerche del perito Marcon risalta come spesso l'alcol si fonda con gli aromi del cibo o di ciò che viene anche inavvertitamente inalato, potendo quindi in tal modo portare a dei "falsi positivi". Basti pensare al caso dell'autista di bus che trasportava un gruppo di Alpini "alticci" e che fallì l'alcoltest. In quel caso, affidandoci alla onestà dell'autista, è stato chiaro che il risultato fosse stato alterato dai "fumi dell'alcol" esalati dai passeggeri».

Un secondo tema di fragilità della strumentazione sta nel campione troppo ridotto di aria espirata che viene analizzato. La misurazione della quantità di alcol nel sangue, cioè, viene ottenuta per pura moltiplicazione della quota così rilevata. «E' come se volessimo ricavare la statura di una persona – aggiunge il Perito Giorgio Marcon – misurandolo non da capo a piedi ma la lunghezza dell'ombra che il suo corpo proietta al suolo, valutando la regolarità e la pendenza di questo e la posizione della fonte di luce, e pretendere alla fine di ottenere un dato altrettanto preciso. In ogni caso, attualmente ci affidiamo a delle apparecchiature che non sono per nulla sicure e ormai si contano su una mano i Paesi che nel mondo intero usufruiscono dell'etilometro come prova per uno stato di alterazione alcolica. Non è più possibile quindi continuare così, sarebbe molto meglio affidarsi, come già fanno gli Stati Uniti, al "riflessometro", strumento certamente più affidabile». Esiste infine un'ulteriore considerazione non banale. Se fosse riconosciuto che gli etilometri acquistati dall'amministrazione dello Stato (di fabbricazione soprattutto canadese e tedesca) sono inaffidabili, il danno erariale collegato ad una spesa smascherata come inutile non sarebbe affatto di poco conto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento