Rifiuti nei parchi pubblici, appello al Comune: «Mettete le fototrappole»

L'associazione di volontari "Adotta un parco" ha ripulito in questi giorni i parchi Parise e Ca' Diedo di Oderzo, oltre alla chiusa del Monticano e a via Sordello. «Servono più controlli»

Volontari dell'associazione "Adotta un parco" al lavoro a Oderzo (Foto tratta da Facebook)

L'area verde di Ca' Diedo, Parco Parise, la chiusa del Monticano e l'incrocio di Via Sordello: sono questi i luoghi ripuliti negli ultimi giorni dai volontari dell'associazione "Adotta un parco - Oderzo". Il gruppo, un sabato al mese, si ritrova per valorizzare il patrimonio naturale opitergino. Sabato 8 agosto le ultime operazioni di pulizia hanno portato i volontari a lanciare un appello al Comune.

rifiuti-oderzo-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Purtroppo si riscontrano sempre gli stessi episodi negli stessi luoghi - scrivono su Facebook - Chiediamo a gran voce che vengano posizionate le fototrappole dal Comune per poter individuare e sanzionare i responsabili. È una questione di sicurezza (vetri rotti, preservativi e molti altri rifiuti sparsi a terra) di igiene e decoro. In questo modo, forse, anche qualche spacciatore incallito oltre agli ecovandali verrebbe identificato». I volontari hanno eseguito anche l'igienizzazione dei giochi per i bimbi al parco Ca' Diedo, a pochi metri di distanza dal municipio di Oderzo. Racconta un volontario sui social: «Ho cercato il dialogo con alcuni giovanissimi che sostavano nelle panchine sudice ad ascoltare musica, tra loro alcuni più trasandati ed altri invece più sensibili alla situazione di degrado, per pochi da "educare" ci rimettono tutti. Abbiamo trovato coppie di fidanzatini sedute su panche circondate da qualsiasi rifiuto con il cestino colmo e puzzolente, anche con loro qualche battuta per sdrammatizzare. Tavoli e panchine erano stati letteralmente dati alle fiamme con gli accendini, scritte spray sui muri viste in diretta: anche i genitori dovrebbero fare la loro parte perché sono ragazzi minorenni ed opitergini. Facciamo insieme del nostro meglio per mantenere Oderzo pulita e bella» concludono dall'associazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento