Riforma Ipab, 500 pensionati manifestano davanti alla Regione

Martedì 22 ottobre, dalle ore 11, presidio a Venezia davanti Palazzo Balbi. I sindacati puntano il dito contro l'assessore Lanzarin per non aver ascoltato le loro richieste

In foto Palazzo Balbi, sede della Regione Veneto

Decine di presidi in tutto il Veneto e davanti al consiglio regionale, un unico momento di incontro dei sindacati ricevuti solo dai consiglieri di minoranza mentre sembrava che dalla Regione, durante l’estate, fosse arrivata un’apertura.

L’assessore Manuela Lanzarin aveva dichiarato che la riforma delle Ipab sarebbe stata inclusa in un più ampio ridisegno dell’assistenza territoriale ma ancora non c’è un testo da valutare e la legislatura ormai è agli sgoccioli. Per questo i sindacati, a quasi 5 mesi dal primo, tornano a far sentire la loro voce con un presidio martedì 22 ottobre alle 11 stavolta davanti a Palazzo Balbi: è ora di chiamare in causa direttamente l’intera Giunta e il suo Presidente. La battaglia per la riforma delle Ipab è portata avanti unitariamente da Cgil, Cisl e Uil del Veneto con le sigle della funzione pubblica, dei servizi e dei pensionati. E proprio Spi, Fnp e Uilp del Veneto saranno la rappresentanza maggiore al presidio. «È inconcepibile che il Veneto, unica regione insieme alla Sicilia, ancora non applichi una legge dello Stato vecchia di quasi 20 anni (la 328/2000), e che stabiliva che le Ipab fossero trasformate in aziende pubbliche di servizio alla persona (Apsp) - commentano i sindacati - La mancata riforma delle Ipab ha causato in questi anni una strisciante privatizzazione, la riduzione dei posti disponibili, un abbassamento della qualità dei servizi per le persone anziane e disabili, l’aumento delle rette ed un peggioramento delle condizioni di lavoro dei dipendenti. Nella nostra regione sono più di 100 le Ipabche offrono ospitalità e assistenza a oltre 15mila anziani, quasi tutti non autosufficienti, dando lavoro a oltre 10mila lavoratrici e lavoratori tra dipendenti diretti e appalti». Quello che chiedono i sindacati è che le Ipab rimangano strutture pubbliche dopo la loro trasformazione in Apsp, e che vengano rimossi tutti quegli ostacoli che le rendono più costose nella gestione rispetto alle case di riposo private. Poi, è necessario che la Regione assegni più impegnative alle Ipab e aumenti la quota a carattere sanitario. Durante il presidio di martedì saranno raccolte le firme a sostegno della richiesta di Riforma delle Ipab.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Travolto e ucciso da un treno, la morte di Marco Cestaro fu un suicidio

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento