menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La folla presente

La folla presente

Oltre 10mila visitatori per la giornata dedicata al Verdon di Roncade

Domenica scorsa ne sono stati venduti più di 1000 chili, a testimonianza dell’alto gradimento che gode questo prodotto esclusivo

Tanta, tanta gente accorsa domenica scorsa a Roncade per il consueto appuntamento con  “Primavera in festa”, la serie di eventi che fanno da corollario ogni anno alla mostra mercato del radicchio Verdon di Roncade e ai vini rossi del Piave. Si parla di circa 10.000 persone che hanno potuto apprezzare nuovamente il centro storico e le mille sorprese allestite dalla Pro Loco in collaborazione con l’Amministrazione Comunale. Bancarelle, stand gastronomici, esposizione di macchine agricole e d’epoca, balli, arte, cori di voci bianche (quelle degli alunni della scuola primaria di Biancade e di Roncade), spuntini gourmet dei migliori ristoratori locali ispirati al Verdon e, naturalmente i protagonisti assoluti, i deliziosi nettari di Bacco e l’irresistibile rosellina verde.

Il successo della giornata è salutato con soddisfazione dal sindaco, Pieranna Zottarelli: «Ringrazio tutti i volontari per il lavoro svolto con altissimo gradimento da parte dei visitatori anche da fuori provincia che hanno imparato a conoscere il Verdon e le altre eccellenze locali. Manifestazioni del genere fanno bene al territorio e sono fonte di stimolo per altre nuove iniziative». Il Radicchio Verdon di Roncade, riconoscibile per il suo colore verde intenso, la forma delicata e il cuoricino giallo  (da non confondere con i suoi cugini meno pregiati come  il Monselice, il Verdolino o il Verde chiaro), è giunto quest'anno al suo ventesimo compleanno e rappresenta uno dei fiori all’occhiello della Città di Roncade.

Verdon II-2

Domenica ne sono stati venduti più di 1000 chili, a testimonianza dell’alto gradimento che gode questo prodotto esclusivo. «La selezione del migliore -spiega l’assessore Loredana Crosato- è stata veramente complessa, tanto da attribuire  un pari merito all’azienda agricola Carlotta Rubinato di Roncade e a quella di Enrico Cadamuro di Musile di Piave». Sotto la tensostruttura allestita in piazza I Maggio una nutrita rappresentanza di aziende di vitivinicole della pianura piavense ha gareggiato per far ottenere alla propria etichetta il titolo di “Miglior Merlot” 2019. La selezione è stata effettuata da una commissione di tecnici esperti della F.I.S.A.R.  che ha valutato i vini in concorso. Il premio per il miglior IGT è stato assegnato all’Azienda Vitivinicola Cà Corner di Meolo che si è aggiudicata anche il premio miglior Merlot DOC da parte della F.I.S.A.R. Ora continuano le serate a tema nei ristoranti che hanno aderito alla rassegna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento