Martedì, 19 Ottobre 2021
Attualità Vittorio Veneto

Coronavirus, il Rotary dona al Comune alimenti e pannolini per i bambini

Il Club di Conegliano Vittorio Veneto in pochi giorni ha raccolto il materiale per la fascia di età fino al primo anno di vita e lo ha poi consegnato ai Servizi Sociali

In un momento nel quale i problemi economici mettono in grave difficoltà le istituzioni e i cittadini al pari del Coronavirus, la domanda di aiuti arriva da più fronti. «Ci sono famiglie con neonati che faticano a provvedere ai loro bisogni - spiega l’Assessore al Sociale Antonella Caldart - Ogni giorno riceviamo richieste di sostegno per l’acquisto di alimenti specifici per i più piccoli e di quanto necessario alla loro igiene. Un allarme - continua Caldart - del quale ha voluto farsi carico il Rotary Club di Conegliano Vittorio Veneto al quale ci siamo rivolti». La risposta è stata immediata e grazie al presidente Diego Tomasi, con l’avallo di tutti i 63 soci e con l’impegno diretto di Franco Petrucci, Andrea Casagrande e Giuseppe Palatini, titolare dell’omonima farmacia cittadina, in pochi giorni sono stati raccolti e consegnati venerdì ai Servizi Sociali, alimenti e pannolini per la fascia di età fino al primo anno di vita.

«L’attenzione verso i bisogni della comunità - spiega il presidente Tomasi - già espressa nelle scorse settimane a favore delle persone anziane, fa parte dello spirito rotariano, che è anche quello di portare un contributo di sollievo alle persone deboli e che, più di altre, soffrono per le difficoltà del momento. Nei prossimi giorni - ha concluso il presidente – consegneremo una fornitura pari a questa anche al comune di Conegliano». Il Rotary Club di Conegliano Vittorio Veneto sta inoltre esaminando altre iniziative per agevolare il ritorno alla normalità delle fasce più deboli.

001_Sindaco_assessori_Caldart_e_Uliana_presidente_Tomasi_e_soci_Rotary-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il Rotary dona al Comune alimenti e pannolini per i bambini

TrevisoToday è in caricamento