Sagra di Vacil, gli organizzatori smentiscono il blackout

L'associazione Area E20 spiega come sono andati i Festeggiamenti di San Giovanni a Breda di Piave smentendo le informazioni riportate nelle scorse ore dalla stampa locale

Il gazebo per i Festeggiamenti di San Giovanni a Vacil (Foto tratta dalla pagina Facebook dell'associazione "Area E20")

Nelle scorse ore un articolo pubblicato dal nostro sito d'informazione e da "Il Gazzettino di Treviso" aveva riportato una serie di notizie non corrette sui Festeggiamenti di San Giovanni svoltisi nella frazione di Vacil a Breda di Piave lo scorso 24 giugno.

Per correttezza d'informazione riportiamo qui di seguito la replica dell'associazione Area E20 che ha voluto inviarci alcune importanti precisazioni sulla vicenda: «Giusto per chiarire e per voler raccontare la verità: tutte le richieste per poter organizzare l'evento sono state da noi regolarmente inoltrate e accolte dal Comune di Breda di Piave, dal quale abbiamo ricevuto i necessari permessi e massima collaborazione per poter svolgere il tutto in sicurezza; abbiamo collaborato, come siamo soliti fare, con altre realtà, in questo caso con la Pro Loco Breda di Piave e con il Gruppo Festeggiamenti Vacil, dai quali abbiamo ricevuto supporto e sostegno, vitali per tenere solida la rete sociale del territorio che vogliamo promuovere. Non è vero che la festa di San Giovanni non si svolgeva da dieci anni a questa parte visto che è sempre stata organizzata con regolarità. La novità di quest'anno è che è cominciata una collaborazione tra l'associazione Area E20 e il gruppo Festeggiamenti Vacil per la realizzazione di questo evento. Si parla poi di "blackout improvviso" che non è mai accaduto nel corso di tutta la serata. Quello che ci rattrista di più - continua l'associazione - è il fatto di essere stati coinvolti in questa sterile polemica. Come associazione, abbiamo sempre voluto mantenere buone relazioni con tutti gli attori con cui ci interfacciamo, dal Comune alle altre associazioni, e non accettiamo l'idea di poter essere usati come strumento per fare della polemica inutile, che non ci appartiene. Rispediamo quindi ai mittenti quanto scritto, certi che verranno a trovarci al Ritorneo e potranno vedere con i loro occhi di quanta bellezza siamo capaci, Comune e associazioni insieme». Il "Ritorneo" è la manifestazione principale organizzata dall'associazione Area E20 e si terrà dal 19 al 21 luglio presso gli impianti sportivi di Breda di Piave, dietro le scuole medie. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare per una grande festa all'insegna dello sport e dello stare insieme.

«Informazioni meno superficiali. I rapporti con l’associazione Area E20, relativamente alla realizzazione dei festeggiamenti di San Giovanni a Vacil dello scorso lunedì 24 giugno, sono stati sereni e, come in tutte le occasioni passate, nel segno della massima disponibilità e collaborazione. Per quanto riguarda la fornitura dell’elettricità – va dritta nel merito della questione l’assessore alla cultura Fiorenza Zanette – non era utilizzabile al di fuori della rassegna “Estate sotto le stelle” organizzata dall’amministrazione in quanto l’impianto viene collegato solo nel momento dell’evento. L’Area E20, con cui è stato condiviso questo passaggio, si è infatti organizzata diversamente, dentro un quadro di cooperazione e partecipazione con la Pro Loco e il Gruppo Festeggiamenti Vacil”. Inoltre, come riporta il rappresentante dell’amministrazione presente, non si è verificato alcun “blackout”. Dispiace che siano state riportate informazioni poco precise – replica la Zanette, facendo eco alle dichiarazioni pubblicate anche sulla pagina Facebook di Area E20 – Cerchiamo come amministrazione di dare il massimo supporto alle associazioni e alle realtà del territorio. Ne è dimostrazione, in questo caso specifico, che i servizi igienici richiesti dall’Associazione Area E20 siano stati concessi senza nessun problema. Confido di aver chiarito la posizione del Comune – conclude Zanette – e che non si incorra più in tali fraintendimenti, totalmente polemici». Ai chiarimenti si è unita anche la vicesindaco Scarabello che ha ribadito la massima collaborazione tra l’associazione e l’amministrazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento