Vigneti, Campania e Basilicata a scuola dai Comuni della DOCG Conegliano-Valdobbiadene

Giovedì 26 luglio, venerdì 27 luglio e sabato 28 luglio a San Pietro di Feletto e Conegliano Kick-off meeting, calcio di inizio, del progetto BIOWINE BIOlogical Wine Innovative Environment

SAN PIETRO DI FELETTO Campania e Basilicata a scuola dai Comuni della DOCG Conegliano-Valdobbiadene per imparare a fare un Regolamento Intercomunale di Polizia Rurale unitario, su modello di quello adottato dai 15 Comuni trevigiani nelle parti che riguardano i temi più sensibili in particolare l’uso dei fitofarmaci, la gestione delle biomasse, le sistemazioni agrarie, la gestione del paesaggio rurale. Kick-off meeting, calcio di inizio, del progetto BIOWINE BIOlogical Wine Innovative Environment domani giovedì 26 luglio, venerdì 27 luglio e sabato 28 luglio a San Pietro di Feletto e Conegliano.

Il programma prevede due giornate in aula, domani a San Pietro di Feletto e venerdì a Conegliano, e sabato visite guidate presso aziende agricole del territorio. «Abbiamo lavorato per tanti anni su questi temi, e il nostro lavoro è stato riconosciuto da altri Comuni italiani che ora vogliono riprendere e adattare alle loro realtà territoriali quanto fatto da noi, sia nel contenuto che nel metodo, un metodo improntato al coinvolgimento e alla condivisione delle istituzioni, delle parti sociali, dei cittadini – afferma Benedetto De Pizzol, assessore all’Agricoltura del Comune di San Pietro di Feletto, Comune coordinatore nel trasferimento della “buona pratica”-. Un grazie alla Associazione nazionale Città del Vino per aver creato le premesse perché questo progetto andasse a buon fine». Il progetto, finanziato dal PON Governance e Capacità istituzionale 2014-2020, coinvolge importanti realtà vitivinicole del Veneto, della Campania e della Basilicata e rappresenta un importante esempio di trasferimento di know-how e di strumenti già sperimentati sui temi dell’innovazione tecnologica, della tutela dell’ambiente e del marketing territoriale.

Gli enti detentori della “buona pratica” sono i Comuni dell’area DOCG Conegliano-Valdobbiadene in provincia di Treviso (Cison di Valmarino, Colle Umberto, Conegliano, Farra di Soligo, Follina, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, San Pietro di Feletto, San Vendemiano, Susegana, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor e Vittorio Veneto- Comune coordinatore San Pietro di Feletto), mentre i “riusanti” appartengono alle aree del Sannio, del Cilento e della Val d’Agri (Castelvenere, Sant’Agata de’ Goti e Solopaca in provincia di Benevento, Caggiano   e Sant’Angelo a Fasanella in provincia di Salerno, Castelfranci in provincia di Avellino, Roccanova e Grumento Nova in provincia di Potenza - ente capofila Guardia Sanframondi).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I primi hanno sperimentato la buona pratica del coinvolgimento istituzionale e delle parti sociali nelle fasi di definizione e applicazione di alcuni atti amministrativi, in particolare del Regolamento Intercomunale di Polizia Rurale. I secondi, che ricadono di due regioni in ritardo di sviluppo, provano a fare massa critica per la definizione di un proprio Regolamento Intercomunale di Polizia Rurale, una tematica complessa, specie se coinvolge più Comuni. La buona pratica unitaria e partecipata dei Comuni dell’area DOCG Conegliano-Valdobbiadene, che verrà trasferita a realtà con caratteristiche geo-morfologiche e agronomiche simili, sarà un valido stimolo per  costruire un processo sostenibile di cooperazione interistituzionale e di confronto dialogico con gli attori territoriali, essendo la condivisione e il lavoro di rete una base di partenza essenziale per la salvaguardia del patrimonio umano e naturalistico e la crescita della competitività delle aziende agricole. Obiettivo finale del progetto, che prevede il coinvolgimento delle migliori espressioni nel campo della ricerca enologica e territoriale, è dunque quello di creare un modello facilmente replicabile in altre aree interne o rurali che sia di riferimento per un ammodernamento sostenibile dei piccoli Comuni e per alimentare un sistema territoriale in grado di favorire il coordinamento tra i differenti livelli di governo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Tragedia in A27: perde il carico, scende a recuperarlo ma viene travolto

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Malore fatale, operaio trovato morto in casa a 42 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento