rotate-mobile

Cantieri di Ca’ Rainati e San Zenone, due milioni di contributi dal Pnrr

Il Comune trevigiano, con i tre progetti presentati, rientra tra le 1981 opere giudicate ammissibili di finanziamento e che dovranno essere completate e collaudate entro il 31 marzo 2026

Oltre due milioni di euro, 2 milioni e 5mila euro, per la precisione. Sono quelli che il Comune di San Zenone degli Ezzelini si è aggiudicato per la messa in sicurezza di tre opere nell’ambito degli Interventi per la resilienza, la valorizzazione del territorio e l’efficienza energetica dei Comuni del Piano nazionale di ripresa e resilienza finanziati dal PNRR. San Zenone, con i tre progetti presentati, rientra infatti tra le 1981 giudicate ammissibili di finanziamento e che dovranno essere completate e collaudate entro il 31 marzo 2026.

Spiega l’assessore ai lavori pubblici, Filippo Tombolato: «Si tratta di tre interventi “cruciali” per San Zenone, due dei quali già avviati e per i quali l’amministrazione attendeva le adeguate risorse. 900mila euro saranno destinati alla realizzazione del secondo stralcio della riqualificazione centro Ca' Rainati. L’intervento, il cui primo stralcio è già in corso grazie ad un altro contributo PNRR di 275mila euro, prevede la generale riorganizzazione urbanistica viaria con modifica viabilità e realizzazione parcheggi, percorsi pedonali e ciclabili in sicurezza».

Il secondo stralcio, ora finanziato, prevede la realizzazione della piazza antistante l’attraversamento pedonale (che porta alla scuola attraversando la strada provinciale) con materiali più pregiati rispetto al primo stralcio in quanto dedicata esclusivamente alla pedonabilità. Questo spazio fungerà anche da punto di raccolta degli alunni che dalla fermata scuolabus presente nel primo stralcio raggiungeranno la vicina scuola. Per delimitare l’area a parcheggio dalla piazza, saranno posizionate delle aiuole rialzate in acciaio cor-Ten ciascuna delle quali presenterà, su un lato lungo, una seduta. Le aiuole verranno piantumate con essenze (tipo euforbia giapponese, auriculata, edera) che garantiranno un efficace inverdimento durante tutto l’anno e messi a dimora esemplari di tiglio selvatico.

Inoltre, sul lato ovest del parcheggio, verso la canonica, i parcheggi saranno alternati delle aiuole piantumate con alberi a medio-alto fusto che garantiranno l’ombreggiamento dei veicoli in sosta. La porzione stradale su via San Pio X antistante l’area verrà rialzata di 15 cm per rallentare il traffico veicolare e rendere più sicuro l’attraversamento pedonale. Inoltre, verrà anche realizzata una nuova viabilità di ingresso alla canonica e per raggiungere il centro parrocchiale. Infine, sarà realizzato un nuovo sagrato con materiali nobili e riqualificato lo spazio sul retro e circostante la chiesa.

«738mila euro saranno quelli destinati a realizzare la Piazza del donatore – prosegue Tombolato -, ovvero al completamento urbanistico viario centro capoluogo - recupero area sud piazzale prospiciente la sede comunale per nuova sistemazione e riorganizzazione degli spazi esterni” di cui è già in corso il primo stralcio e la cui posa della prima pietra è avvenuta lo scorso aprile».

I contributi esterni serviranno per realizzare il secondo ed il terzo stralcio ed in particolare:

- la realizzazione del nuovo parcheggio pubblico nell’area privata a sud del Municipio in corso di acquisizione grazie ad un accordo raggiunto con i proprietari delle aree: è previsto un nuovo accesso da via Verdi ed un sistema distributivo degli stalli per circa 47 nuovi posti auto pubblici con adeguati percorsi pedonali su marciapiedi e rampe per permettere l’accesso ai portatori di handicap;

- la realizzazione di un sistema di terrapieni a vasche di verde per compensare e contenere le altezze dalla costruzione della nuova rotatoria all’intersezione con via Marini (già appaltati all’impresa CGM di Montebelluna): un anfiteatro verde che si affaccia nella piazza, uno spazio che può essere o anche per manifestazioni ed incontri pubblici e/o qualsiasi altro tipo di evento.

lnfine, altri 367mila euro sono invece destinati alla scuola primaria Noè Bordignon di San Zenone degli Ezzelini dove saranno realizzati lavori di messa in sicurezza, adeguamento impianti elettrici e antincendio, rifacimento pavimentazioni interne.

Commenta il sindaco, Fabio Marin: «Il segreto per portare a casa risorse è investire nel futuro e nella programmazione. È quello che abbiamo fatto fin dall’inizio, progettare anzitutto per essere pronti ad accedere ai bandi non appena vengono pubblicati. Lo dimostrano questi 205mila euro investiti per progettare questi tre interventi cruciali per la sicurezza di San Zenone e di chi frequenta il centro di Ca’ Rainati, la zona del municipio e la scuola primaria del capoluogo. A fronte di questo investimento San Zenone ottiene ulteriori contributi PNRR di 2 milioni e 5 mila euro che, sommati agli oltre 5 milioni già ottenuti negli anni scorsi, porta i contributi finora ottenuti dalla nostra amministrazione a oltre 7 milioni di euro. Un importo considerevole, per un Comune di 7mila abitanti circa e che ci spinge a continuare su questa direzione: stanziare risorse ed investire nella progettazione per riqualificare i nostri spazi ed i nostri luoghi. Il prossimo, quindi, sarà un periodo di grandi cambiamenti per il nostro paese, con dieci cantieri in corso in tutto il paese».

Video popolari

TrevisoToday è in caricamento