menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei tablet

Uno dei tablet

Riprende la Dad: genitori donano 25 tablet alle famiglie bisognose

Il regalo ai ragazzi della primaria di San Zenone degli Ezzelini. L’acquisto dei tablet reso possibile grazie al ricavato della vendita di dolci e prodotti di artigianato e alla donazione di un commerciante locale

Accorciare le distanze, quelle fisiche, ma soprattutto quelle sociali. E’ questo lo spirito dell’iniziativa promossa e concretizzata in questi giorni dal Gruppo dei rappresentanti dei genitori della scuola primaria di San Zenone degli Ezzelini. Lo spunto dell’iniziativa è dato dalla recente riattivazione della Didattica a distanza che ha fatto emergere il bisogno, da parte di diverse famiglie, di strumenti e dispositivi per permettere ai bambini di seguire le lezioni a distanza. E se per tanti questo non è stato un problema, per altri la disponibilità di pc, portatili e tablet è tutt’altro che scontata. E’ così che il Gruppo dei rappresentanti dei genitori, si è attivato, prendendo contatti con la dirigente scolastica, Paola Zanon, ed il sindaco, Fabio Marin, e mettendo a punto l’acquisto di 25 tablet da donare all’Istituto comprensivo. Un’operazione resa possibile utilizzando 3.600 euro racimolati con i risparmi messi da parte dal Gruppo nelle varie iniziative promosse negli anni precedenti con la vendita di dolci e di prodotti artigianali cui si è aggiunto anche il sostanzioso contributo di un commerciante sanzenonese.

Spiegano i componenti del Gruppo dei rappresentanti dei genitori della scuola primaria di San Zenone degli Ezzelini: «L’inatteso ripristino della DAD ha colto di sorpresa diverse famiglie del territorio che, per problemi economici o perché hanno più figli in età scolare, si sono trovate nella difficoltà di riuscire ad assicurare ai propri figli la possibilità di seguire le lezioni a distanza. Perciò, visto che lo scorso anno scolastico già erano state esaurite le risorse pubbliche per l’acquisto dei dispositivi destinati alla DAD, ci è parso naturale intervenire utilizzando quelle risorse messe da parte in questi anni proprio per iniziative rivolte alla didattica. E’ un buon modo, crediamo, per supportare le famiglie ma anche le istituzioni, ma soprattutto il segnale che in un periodo complesso come quello che stiamo vivendo, la solidarietà può essere il mezzo per accorciare le distanze e, più in generale, per fare comunità».

L’acquisto è avvenuto in tempo record: già giovedì 18 marzo, infatti, i tablet sono stati consegnati in comodato d’uso all’Istituto scolastico che li distribuirà presso le famiglie che ne hanno bisogno. Interviene la dirigente scolastica, Paola Zanon: «Nel riproporsi della situazione di nuovo lockdown scolastico è stato necessario andare incontro alle famiglie per poter gestire la didattica da casa. Sono stati consegnati più di 100 dispositivi e l’iniziativa dei genitori del plesso della primaria di San Zenone mi ha davvero commossa: la vision e la mission della scuola - garantire il diritto allo studio di tutti - si concretizza giorno per giorno ed essere una comunità significa mettere in comune, condividere, comunicare non a parole ma con azioni concrete e questa donazione ne è stato un bellissimo esempio. Grazie perché siamo vicini e uniti, nonostante tutto!».

Conclude il sindaco, Fabio Marin: «Ancora una volta i nostri concittadini ci sorprendono e sono davvero grato per l’iniziativa portata avanti dai genitori che supporta e completa la prima consegna di dispositivi avvenuta lo scorso anno attraverso il Comune. Un grazie anche alla sensibilità del commerciante locale che ha sostenuto concretamente l’operazione. E’ con gesti come questi che l’inclusione diventa reale: grazie!».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Attualità

Veneto in zona arancione: cosa si può fare da martedì 6 aprile

Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento