menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sanificazione delle strade da parte dell'Esercito

Sanificazione delle strade da parte dell'Esercito

Coronavirus: Esercito e Protezione civile sanificano le strade di Conegliano

Lavaggio approfondito delle aree più critiche del centro e delle frazioni. L'intervento si svolgerà domenica 19 aprile. In campo i volontari e il 3° Reggimento artiglieria

Tra le possibili misure da poter attuare per il contenimento del propagarsi dell’epidemia di corona virus, soprattutto in questo momento in cui si prospetta l’eventualità di permettere una  maggiore possibilità di movimento, il sindaco Chies, ha ritenuto di mettere in atto  tutte le azioni possibili, compreso un intervento di igienizzazione delle aree più sensibili del territorio comunale.

L’attività, che rientra tra quelle di prevenzione, si svolgerà a partire dalla mattinata di domenica 19 aprile in tutto il centro città e i quartieri. Avrà come obiettivo i luoghi dove si concentra maggiormente il passaggio dei pedoni, i marciapiedi, le aree esterne alle case di riposo, alle farmacie e s tutti i luoghi sensibili. L’effetto igienizzante viene ottenuto spruzzando sul terreno vapore acqueo secco che sterilizza fisicamente l’ambiente, inertizzando in modo naturale il virus per mezzo dell’alta temperatura raggiunta. L’apparato (il cui nome tecnico è SANIJET C921, ndr), infatti, eroga getti di vapore umido o secco a temperature comprese tra i 120 e i 190°C. Per coprire vaste superficie in tempi contenuti, limitando la manodopera necessaria, è stato chiesto il concorso dell’Esercito, che dispone di idonei apparati di grande capacità. Saranno quindi costituite squadre miste, in cui i volontari delle Protezioni Civili alpine e comunali guideranno gli operatori militari su percorsi stabiliti in un piano elaborato appositamente. Col perdurare della situazione emergenziale, il trattamento potrebbe essere ripetuto periodicamente. L’Esercito ha messo in campo nove assetti, forniti dai reparti presenti in Veneto ed in Friuli –Venezia Giulia: il 3° Reggimento artiglieria da montagna, che ha ricevuto anche la funzione di coordinamento, il 7° e l’8° Reggimento alpini, il reparto comando e supporti tattici, tutti della Brigata Alpina “Julia”, il Reggimento logistico “Pozzuolo del Friuli” ed il 3° Reggimento trasmissioni. 

Tra Conegliano ed il 3° Reggimento artiglieria, in particolare, esiste un antico e radicato rapporto, dal momento che incorpora il gruppo di artiglieria da montagna che prende il nome dalla città. I contatti, specialmente con la locale sezione dell’Associazione Nazionale Alpini (Ana) sono ricorrenti e molto sentiti. Il sindaco di Conegliano, Fabio Chies, ampiamente soddisfatto per la proficua collaborazione instaurata, concretamente rivolta al benessere della cittadinanza, esprime fin da ora, il ringraziamento proprio e della comunità ai militari che, in questo periodo di emergenza sanitaria, sono vicini alle esigenze della popolazione con un grande impegno operativo e logistico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento