rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità Sant'Antonino / Piazzale dell'Ospedale

Covid, Ulss 2: «Sono 120 i dipendenti non ancora vaccinati»

Il direttore generale, Francesco Benazzi, fa chiarezza sui numeri dei sanitari no vax: «Speriamo si vaccinano tutti ma ce ne sono complessivamente una ventina più difficili da convincere»

«Abbiamo circa 120 dipendenti non ancora vaccinati - afferma il direttore generale, Francesco Benazzi - Distribuiti tra numerosi servizi e reparti dell’azienda in modo puntiforme. Non abbiamo, fortunatamente, concentrazioni di no vax in alcun reparto, meno che mai nelle terapie intensive. I venti no vax di cui si è parlato in questi giorni non sono in alcun modo riferibili alla terapia intensiva di Treviso ma sono il numero, distribuito tra tutti i nostri servizi, di quelli che riteniamo difficilmente convincibili sul totale dei 120 non vaccinati. Naturalmente il nostro auspicio è che si vaccinino tutti, in modo da doverne sospendere il minor numero possibile».

«Per quanto riguarda, invece l’Unità operativa di Anestesia-Rianimazione del Ca’ Foncello - conclude il primario, dottor Antonio Farnia - gli oltre 200 tra medici, infermieri sono tutti vaccinati. I non vaccinati sono unicamente due operatori socio sanitari, entrambi attualmente non in servizio. Siamo impegnati in prima linea, da inizio pandemia, nella cura dei pazienti colpiti dal Covid in forma grave - aggiunge il primario - è dunque assolutamente impensabile che qualcuno, nel nostro reparto, possa continuare a lavorare senza essere vaccinato. La risposta della quasi totalità del personale alla vaccinazione è stata immediata e convinta, e ci stiamo prodigando anche con tutti i familiari dei pazienti a sostegno della campagna vaccinale». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, Ulss 2: «Sono 120 i dipendenti non ancora vaccinati»

TrevisoToday è in caricamento