menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un labrador color cioccolato

Un labrador color cioccolato

Esposizione nazionale cinofila alla Fiera di Santa Lucia di Piave

L'ingresso alla manifestazione di domenica 8 settembre è libero e gratuito per tutti e consentito anche a chi ha cani al guinzaglio, purché muniti del libretto delle vaccinazioni

Domenica 8 settembre nei padiglioni dell'ex-filanda di Santa Lucia di Piave si terrà, a partire dalle 8.30, la terza Esposizione del Gruppo Cinofilo Trevigiano, che festeggia quest'anno i trent'anni di fondazione. Oltre 450 le razze ufficialmente riconosciute, un migliaio circa gli esemplari in mostra, valutati da esperti italiani ed europei che decreteranno i campioni della manifestazione. Sfileranno soggetti appartenenti a razze meno note al grande pubblico, il Bobtail, o tutte le varianti dello Spitz tedesco, oltre al più noto Volpino di Pomerania. Mostra speciale per il cane da ferma tedesco Kurzhaar. Fino ai Corgies, “cani di corte” della regina Elisabetta d'Inghilterra.

La mostra di quest'anno sarà però dedicata, in particolare, all'utilizzo solidale dei cani addestrati e alla importante funzione che essi svolgono per il sostegno fisico e psicologico di disabili e per minori ed anziani in difficoltà. «Siamo felici di ospitare anche quest'anno l'esposizione” dice Alberto Nadal, amministratore unico delle Fiere di Santa Lucia “e in particolar modo di dare spazio alla pet therapy e alle attività meritorie che svolge l'Associazione Pachamama, specializzata nella preparazione dei cani da assistenza per i bambini disabili e nella pet-therapy all'interno delle carceri. La nostra Fiera intende sostenere e qualificarsi, anche con questa e altre iniziative, come la fiera della sostenibilità a 360°». L'associazione Pachamama ha al proprio attivo numerosi progetti presso le scuole, terapie assistite dall'animale in ambulatori di psicoterapia evolutiva, terapie in casi di pazienti affetti da Sindrome da Iperattività, Autismo, Ritardo mentale, Sindrome di Down. Di recente ha iniziato una collaborazione con il centro Helen Keller di Messina e la Scuola Italiana Cani Guida per ciechi.

L'Associazione effettuerà con i cani -labrador retriever neri o miele-, i bambini e i propri volontari, una dimostrazione alle ore 14. «Il ruolo del cane all’interno del tessuto sociale -dice Barbara Severin, organizzatrice della manifestazione- è indubbiamente cambiato negli ultimi anni. Il cane non viene più selezionato esclusivamente come ausilio all’uomo, ma è diventato con il passare del tempo un vero e proprio collaboratore in grado di portare valori aggiunti trasversali. Il rapporto fra l’uomo e il cane si è trasformato e si è aperto a nuove dimensioni e a nuove aree di gratificazione: le persone desiderano coltivare questa relazione, senza però snaturare quelle che sono l’indole e le predisposizioni di ogni razza. Non dimentichiamo che il cane ha acquistato un ruolo sempre più importante anche in attività di utilità sociale: dagli ambiti formativi per il bambino a quelli assistenziali per l’anziano, dal valore straordinario nel coadiuvare il lavoro della protezione civile al significato ordinario ma profondo che riveste per tante famiglie. La selezione del cane di razza serve proprio a questo: individuare il cane adatto alle diverse realtà ed esigenze, al fine di creare una sinergia indissolubile».

I giudizi sulle singole razze cominceranno alle 10 e proseguiranno ininterrottamente fino alle 14. Alle 14:30 sarà il momento del concorso nazionale per junior handlers, ovvero i bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni che presenteranno ai giudici, con padronanza e professionalità, i propri amici a quattro zampe. Dalle ore 15:30 l’attenzione si sposterà nel ring d'onore, dove sfileranno e verranno finalmente premiati i migliori soggetti di ogni razza. Negli spazi esterni mostra-mercato di prodotti e servizi del settore pet. L'ingresso è libero e gratuito per tutti e consentito anche a chi ha cani al guinzaglio, purché muniti del libretto delle vaccinazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento