Cessione Auchan a Conad: 8 ore di sciopero nei supermercati della Marca

Lunedì 23 dicembre la mobilitazione nei due punti vendita di Montebelluna e Ormelle. Presidio regionale a Mestre dalle 9 alle 13. Sindacati e lavoratori sul piede di guerra

In foto l'Ipersimply di Montebelluna

Sciopero di 8 ore lunedì 23 dicembre per i lavoratori di Margherita Distribuzione, la nuova denominazione sociale dei supermercati dell’ex Gruppo Auchan dopo l’acquisizione del Gruppo da parte di Conad.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la provincia di Treviso la mobilitazione riguarda 70 lavoratori di cui 40 assunti all’Ipersimply di Montebelluna e 30 al Simply Market di Ormelle. Lo sciopero è stato indetto dai sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UIltucs al termine dell’incontro con la direzione aziendale dello scorso 9 dicembre nell’ambito del confronto sulla procedura di fusione per incorporazione e sarà articolato in due giornate per un totale di 16 ore: la prima a livello nazionale sarà lunedì 23 dicembre; la seconda, sempre di 8 ore, in altra data ancora da stabilire. Lunedì i lavoratori si riuniranno in presidio davanti all’Auchan di Mestre dalle 9 alle 13. Alla base della mobilitazione, il destino incerto dei lavoratori dei punti vendita Auchan che verranno ceduti a Conad. L’acquisizione da parte di Conad dei supermercati Auchan è stata ufficializzata nel maggio di quest’anno. Secondo le intenzioni dichiarate da Conad tutti i negozi e tutti i dipendenti sarebbero stati assorbiti dal nuovo gestore. Ma dopo una prima tranche di poco più di un centinaio di negozi acquisiti, il processo si è fermato. La complicata vertenza conta circa 6 mila esuberi a livello nazionale, determinati sia dalla riduzione di superficie che dall'incidenza del costo del lavoro, mentre le Organizzazioni Sindacali denunciano la mancanza di un piano di salvaguardia occupazionale. Ove è subentrata Conad sono stati disdettati i contratti territoriali e i rapporti con le Organizzazioni Sindacali sono stati ridotti al minimo. Su 6 mila esuberi dichiarati, almeno 600 riguardano il Veneto. «La fretta dimostrata dal Gruppo Auchan nel voler lasciare il nostro Paese - sottolinea Claudio Cavallin della Fisascat Cisl Belluno Treviso - mette in bilico la posizione di molti lavoratori tra cui i 70 della Marca. L’azienda aveva annunciato che l’operazione si sarebbe conclusa a fine anno, mentre ora si parla di giugno 2020. I supermercati della provincia di Treviso non sono tuttora stati oggetto di passaggio a Conad e ad oggi non si conoscono ulteriori soggetti interessati al rilevamento degli stessi». «I lavoratori e le loro famiglie - conferma Consuelo Zibetto, delegata sindacale della Fisascat Cisl del punto vendita di Montebelluna - stanno vivendo un profondo e preoccupante stato d’incertezza, di precarietà e di preoccupazione Da mesi chiediamo chiarezza sul destino dei dipendenti, che non sanno chi acquisirà il negozio in cui lavorano e se verranno mantenuti i livelli occupazionali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento