rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Attualità Vittorio Veneto

Segnale Rai assente nel vittoriese, Colmellere: «Tra pochi giorni il ritorno alla normalità»

L'onorevole della Lega: «Dopo il rifacimento della “torre” sul Col Visentin i cittadini torneranno a ricevere un segnale chiaro e a fruire del servizio pubblico»

Il rifacimento della “torre” sul Col Visentin, che ospita l’antenna del segnale televisivo, è completato e tra pochi giorni i cittadini del Vittoriese torneranno a ricevere un segnale chiaro e a fruire del servizio pubblico. Lo annuncia l’onorevole Angela Colmellere, deputata trevigiana della Lega, che aveva presentato a giugno una interrogazione in Commissione Vigilanza Rai per capire lo stato dei lavori sul ripetitore e chiedere la garanzia di un segnale puntuale per i residenti della Val Lapisina in particolare, da Longhere al Fadalto, ma anche di S. Giacomo di Veglia a Vittorio.

“Mi sono interessata fin dal primo momento a questo disservizio. Oggi posso annunciare che procedono gli adeguamenti anche alle antenne di Cison, Val Lapisina e Madonna della Salute, con segnale disponibile tra pochi giorni. In questo modo la zona del Vittoriese e del Quartier del Piave sarà completata dopo i danni di Vaia e dopo lo switch-off di marzo”, spiega Colmellere. “L’articolo 45 del testo unico della Radiotelevisione impone al servizio pubblico di garantire la diffusione di tutte le sue trasmissioni tv e radio con copertura integrale del territorio – conclude l’onorevole leghista -. E’ giusto perciò che anche i cittadini vittoriesi, che pagano il canone in bolletta elettrica, possano fruire della tv senza problemi, e a brevissimo questo sarà di nuovo possibile. Ringrazio il Servizio pubblico per aver proceduto a risolvere questo disservizio e per aver dato riscontro di quanto da me chiesto, e ringrazio anche il Mise e il ministro Giorgetti per essersi interessato alla soluzione della questione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segnale Rai assente nel vittoriese, Colmellere: «Tra pochi giorni il ritorno alla normalità»

TrevisoToday è in caricamento