menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine generica di uno studio dentistico (Foto d'archivio)

Immagine generica di uno studio dentistico (Foto d'archivio)

Visite ai pazienti senza avere i titoli: studio odontoiatrico chiuso dai Nas

Il blitz dei carabinieri in un ambulatorio privato a San Zenone degli Ezzelini. Medico e titolare sono stati denunciati, 300 mila euro di apparecchiature e macchinari sotto sequestro

I carabinieri del Nas hanno messo sotto sequestro uno studio odontoiatrico privato che offriva ai pazienti pulizie del tartaro e visite mediche nonostante né il dottore né tantomeno il titolare avessero mai ottenuto i titoli per esercitare la professione.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso" il blitz è scattato martedì 9 aprile e ha portato al sequestro di macchinari e apparecchiature per un valore complessivo di ben 300mila euro. L'indagine dei carabinieri era partita nelle scorse settimane da un normale controllo allo studio privato con verifica dei documenti e domande alla clientela. Il sopralluogo si era concluso con una contestazione redatta dalle forze dell'ordine per "esercizio abusivo, continuato e in concorso". Il titolare dello studio di San Zenone degli Ezzelini e il medico che ci lavorava non erano in possesso dei titoli per poter svolgere quella professione e avrebbero potuto mettere in grave pericolo la salute dei pazienti. Per queste ragioni il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Treviso ha ordinato il sequestro preventivo dello studio odontoiatrico composto da sette stanze e molto conosciuto dai residenti della zona. Il titolare e il finto medico sono stati denunciati per esercizio abusivo della professione. Eventuali ricorsi dovranno essere valutati nelle prossime settimane dalla magistratura. E' probabile che il gestore dello studio ne chieda il dissequestro anche se le accuse emerse dalle indagini del Nas sembrano essere molto pesanti e il fatto di aver messo a repentaglio la salute di decine di pazienti facendoli visitare da un medico non qualificato potrebbe avere un ruolo chiave nel proseguio della vicenda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento