Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità Sernaglia della Battaglia

Al ritmo di "Rock the word": la socialità dei bambini riparte dai centri estivi

A Sernaglia 185 giovanissimi stanno trascorrendo la loro estate in compagnia, nel rispetto delle regole di buona educazione, sana convivenza e di contenimento della diffusione del Covid

Aggregazione, crescita e divertimento: mai come quest’anno bambini e ragazzi hanno bisogno di socialità “in presenza” per recuperare il tempo perduto a causa dell’emergenza sanitaria. E i Centri Estivi del Comune di Sernaglia della Battaglia, gestiti dalla cooperativa CSA, sono stati progettati proprio con questo obiettivo, ovvero accompagnare bambini e ragazzi attraverso percorsi emozionali, sensoriali, sportivi e comunicativi che mettano al centro la relazione con loro stessi, gli altri e i propri bisogni. Al ritmo di “Rock this word: ripartiamo da noi” 185 giovanissimi stanno trascorrendo la loro estate in compagnia, nel rispetto delle regole di buona educazione, sana convivenza e di contenimento della diffusione del Covid.

I partecipanti sono complessivamente 185, di cui 22 della scuola media, 87 della scuola primaria e 76 della scuola dell’infanzia. Il tempo pieno è stato attivato solo per i bambini della scuola dell’infanzia (sia di Sernaglia che di Falzè), per i bambini delle classi 1^ e 2^ della scuola primaria (sia di Sernaglia che di Falzè) e per i bambini della classe 3 della scuola primaria di Falzè (che di fatto costituiscono un gruppo unico con quelli di seconda): complessivamente il servizio viene usufruito da 97 bambini.

I centri sono dislocati in diverse sedi: alla scuole dell’infanzia “A. Gasparotto” di Sernaglia della Battaglia ci sono i bambini della scuola dell’infanzia e delle classi 1^ e 2^ della scuola primaria frequentanti le scuole del capoluogo; alla scuola dell’infanzia “Manfredo Collalto” di Falzè di Piave ci sono i bambini della scuola dell’infanzia e delle classi 1^, 2^ e 3^ della scuola primaria frequentanti le scuole della frazione di Falzè di Piave; al Centro Giovani di Sernaglia della Battaglia ci sono ragazzi delle scuole secondarie di 1^ grado e, infine, al CEA di Fontigo ci sono i bambini delle classi 5^ della scuola primaria frequentanti le scuole del capoluogo e di Falzè, e quelli delle classi 3^ e 4^della scuola primaria frequentanti le scuole del capoluogo. Vengono inoltre utilizzati per le attività la palestra di Sernaglia e il campo sportivo parrocchiale vicino all’asilo di Sernaglia. I Centri Estivi coprono sia la fascia oraria del mattino che quella del pomeriggio e quest’ultima rappresenta un’importante e nuova opportunità per le famiglie.

Il sindaco Mirco Villanova, insieme al parroco don Mirko Dalla Torre, è andato a trovare i bambini dei vari gruppi ed è stato travolto dall’entusiasmo dei piccoli concittadini. «È stato bello vedere l’entusiasmo e la voglia di stare assieme dei nostri bambini – afferma il Sindaco – I Centri Estivi sono un importante momento educativo e sociale, soprattutto in questo periodo, per recuperare tempi di relazione e confronto tra bambini e ragazzi. Uno spazio vitale per loro e prezioso anche per i genitori che lavorano. La sinergia tra Amministrazione Comunale e parrocchia sta dando ottimi risultati. Aver coinvolto più sedi nelle varie frazioni ha contribuito a vitalizzare anche più luoghi del comune. Ringrazio di cuore gli animatori volontari, gli educatori e l’assistente sociale che hanno consentito la buona riuscita dei Centri».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al ritmo di "Rock the word": la socialità dei bambini riparte dai centri estivi

TrevisoToday è in caricamento