menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto tratta da Google Immagini

Foto tratta da Google Immagini

Servizio civile: 241 giovani impegnati in Veneto

Nelle scorse ore la Regione ha finanziato con un milione di euro 40 nuovi progetti territoriali. I ragazzi che hanno aderito al bando saranno impegnati per un anno nel volontariato

TREVISO Sono ben 241 i giovani veneti (o residenti in Veneto) che saranno coinvolti quest’anno in progetti di servizio civile regionale. La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore al sociale, ha approvato nelle scorse ore la selezione dei progetti da finanziare con i fondi della legge che ha istituito il servizio civile regionale.

Istituito nel 2005 come forma complementare al servizio civile nazionale per favorire il volontariato dei giovani anche nelle associazioni più piccole e negli enti privati rispetto ai grandi enti pubblici, il servizio regionale nell’ultimo quinquennio ha impegnato oltre 530 giovani in oltre 120 progetti sociali e non profit, con un impegno finanziario della Regione di due milioni e mezzo di euro. Per il nuovo bando è stato stanziato un milione di euro, che sarà destinato a pagare le ‘indennità’ di servizio ai giovani volontari. Per i volontari del servizio civile (giovani tra i 18 e i 28 anni) è previsto un compenso giornaliero di 15 euro per un impegno concordato di 30 ore la settimana; le spese di vitto, alloggio, trasporto e oneri assicurativi resteranno a carico degli enti di ‘ingaggio’. Sarà l’Azienda Zero a verificare la rendicontazione delle iniziative svolte e ad erogare le indennità  ai giovani volontari. “Con questo bando ridiamo continuità ad una legge importante di educazione alla cittadinanza attiva  e responsabile e di solidarietà sociale – sottolinea l’assessore al sociale – L’esperienza del servizio civile regionale integra quella del servizio nazionale (che lo scorso anno ha impegnato in Veneto quasi mille giovani) e offre ulteriori opportunità ai giovani del nostro territorio e alla rete dell’associazionismo e del volontariato locale, che difficilmente avrebbero accesso alle graduatorie di assegnazione dei volontari del servizio civile nazionale. Il percorso di selezione regionale dei progetti presentati dagli enti accreditati ha privilegiato iniziative di assistenza e di promozione sociale, di valorizzazione del patrimonio storico, culturale e ambientale, di protezione civile, di organizzazione di attività educative e di promozione umana organizzate da enti riconosciuti e accreditati. ”. Tra gli enti che hanno visto approvati i progetti di servizio civile ci sono piccoli Comuni e comuni capoluogo, Università, Ipab, cooperative sociali, fondazioni, consorzi di cooperative o di associazioni, Caritas diocesane.  Anche la Regione sarà ambito di impiego di un volontario del servizio civile: affiancherà l’Ufficio regionale con il compito di promuovere questa esperienza di impegno sociale tra i coetanei, di sensibilizzare gli enti e di favorire la progettazione comune tra istituzioni, mondo del non profit e giovani volontari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento