menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il trapper milanese Sfera Ebbasta

Il trapper milanese Sfera Ebbasta

«Sfera Ebbasta è il male»: lo sfogo di un parroco trevigiano diventa virale

Don Silvio Caterino, parroco di Trevignano, ha pubblicato nelle scorse ore un post sul suo profilo Facebook in cui chiede di censurare i testi del giovane trapper milanese

«Leggete il testo della canzone “Hey tipa”, leggetelo tutti. Perché molti dei nostri ragazzi delle medie vanno a scuola con quella canzone nelle orecchie al mattino e questo è male! E’ male!» A dirlo non è un critico musicale ma il parroco di Trevignano, don Silvio Caterino, che dal suo profilo Facebook ha criticato pesantemente le canzoni del trapper milanese Sfera Ebbasta, l'artista che, nella notte tra il 7 e l'8 dicembre scorsi, avrebbe dovuto esibirsi nella discoteca di Corinaldo in cui hanno perso la vita ben sei persone.

Per don Silvio il problema sono i testi delle canzoni di Sfera Ebbasta che avrebbero un effetto nocivo sulle giovani generazioni di ascoltatori. «Il fatto che non si possa più dire che una cosa è il Male ci sta rovinando - afferma il parroco - Le canzoni di Sfera Ebbasta sono il male così come la gran parte degli altri artisti della scena trap che riempiono le orecchie dei nostri giovani di parolacce e comportamenti disdicevoli abusando della debolezza dei pre-adolescenti per arricchirsi alle loro spalle». Lo sfogo di don Silvio è arrivato sul suo profilo Facebook sollevando centinaia di commenti tra chi lo sosteneva in pieno e chi invece dissentiva affermando che non si può dare la colpa alla musica per una tragedia come quella di Corinaldo. Dopo tutto il clamore suscitato in queste ore il parroco di Trevignano continua a sperare che in futuro artisti come Sfera Ebbasta possano essere, se non censurati, almeno messi da parte dall'industria discografica. «Sarebbe un pericolo in meno - conclude il parroco - per i tanti giovani che oggi ascoltano questo tipo di musica».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento