menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza e decoro, il Comune di Silea adotta il daspo urbano

Il sindaco Rossella Cendron: "Abbiamo deciso di dotarci di uno strumento fondamentale per tutelare le aree che necessitavano di maggiore attenzione per conformazione, come parchi e cimiteri, o per frequentazione, come scuole e zone turistiche"

SILEA Il Consiglio Comunale di Silea, durante la seduta tenutasi ieri sera, lunedì 30 luglio, ha approvato alcuni importanti provvedimenti e regolamenti tra cui il daspo urbano. Il Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Silea è stato aggiornato, in relazione al D.L. 20 febbraio 2017, con lo scopo di migliorare la sicurezza e il decoro urbani dotando l’Ente di uno strumento normativo al passo con i tempi, in grado di fornire una soluzione alle sopravvenute problematiche e migliorare così la qualità della vita del territorio. Il Daspo, acronimo di Divieto di Accedere alle Manifestazioni Sportive, conferisce al Sindaco la possibilità di individuare le aree urbane da tutelare e su cui rafforzare il controllo, applicando l’ordine di allontanamento a chi compie determinati comportamenti molesti e lesivi dell’accessibilità e della fruibilità delle aree pubbliche o di uso pubblico, quali:

gettare oggetti in modo pericoloso

compiere atti offensivi della pubblica decenza o espletare bisogni corporali fuori dai servizi igienici

bivaccare od occupare panchine o altre strutture e spazi con comportamenti lesivi della decenza, del decoro, della quiete o dell’igiene

salire su monumenti, fontane, cancellate, muri di cinta, recinzioni, edifici o alberi provocando pericolo per le strutture o per l’incolumità propria e altrui

esercitare l’accattonaggio con modalità moleste, manifestate dal fisico impedimento, dall’intralcio alla circolazione veicolare e pedonale o dalla obiettiva compulsione psicologica della libertà altrui o con l’impiego di minori

esercitare l’attività di commercio su area pubblica in assenza del necessario titolo amministrativo o in violazione di legge e regolamenti.

Le zone di particolare rilevanza, individuano plessi scolastici, cimiteri, impianti sportivi, CERD ed aree di mercato, oltre ad aree e parchi interessati da consistenti flussi turistici, che sono: piazza Degli Azzoni Avogadro, via Venturini, via Carducci, via Mazzini e Parco dei Moreri, piazza Europa, parcheggio di via Veneto, via Alzaia sul Sile, via Tappi, via Villapendola, piazza Trevisani nel Mondo, via Tezze, piazzetta Madonna della Salute, via Cendon, via Alzaia di Cendon, via Ca’ Memo (parcheggio e centro anziani), via Pozzetto, via Santa Lucia, via Duca d’Aosta, via Vanti, via Creta, via Molino, via Sant’Elena, via Nerbon, via Millevoi, Biblioteca comunale, Municipio e area verde lungo il fiume Melma, retrostante Biblioteca e Municipio. 

Il Sindaco Rossella Cendron: “Abbiamo deciso di dotarci di uno strumento fondamentale per tutelare le aree che necessitavano di maggiore attenzione per conformazione, come parchi e cimiteri, o per frequentazione, come scuole e zone turistiche, con lo scopo di potenziare la sicurezza e il decoro, a favore di una migliore vivibilità del territorio. Infine, ricordo che questo strumento mira a inibire l’accattonaggio molesto, fornendo una risposta rapida, precisa e puntuale alle mutate esigenze sociali e culturali”.

Consulta Giovanile Comunale. La Consulta Comunale dei Giovani è un organo istituzionale consultivo del Consiglio e della Giunta Comunali, attraverso il quale giovani residenti o attivi nel territorio comunale, di età compresa tra 18 e 29 anni, possono collaborare con il Comune attraverso la partecipazione attiva nell’ideazione e nella realizzazione di progetti di politiche giovanili, per promuovere nuove idee e coinvolgere altri giovani del Comune. La Consulta sarà composta da Presidente, Vicepresidente, Segretario e tre membri eletti dall’Assemblea che verranno eletti nella prima Assemblea, oltre che da un rappresentante per ogni gruppo di lavoro. I gruppi di lavoro si potranno costituire autonomamente con lo scopo di trattare e sviluppare tematiche legate al lavoro, alla formazione, alla cultura, allo sport, alla partecipazione attiva, ecc.

Il Sindaco Rossella Cendron: “Oggi abbiamo dotato il nostro Comune di uno strumento fondamentale per promuovere e favorire la partecipazione dei giovani alla politica comunale, avendo a cuore l’obiettivo di creare una comunità partecipe e attiva, con un forte senso di appartenenza ed interesse alle tematiche proprie del vivere comune. Desideriamo stimolare ed incoraggiare idee e proposte per un miglioramento della vita cittadina ed una maggiore conoscenza della realtà dei giovani”. Terza variante al Piano degli Interventi. E’ stata approvata la Terza variante al Piano degli Interventi che prevede il cambio di destinazione d’uso degli annessi rustici, l’abbassamento del grado di protezione degli edifici e il cambio di definizione perimetrale puntuale di alcune aree, accogliendo istanze puntuali richieste dai privati. A seguito è stato presentato il Documento del Sindaco, che prevede la quarta variante normativa di recepimento del nostro PAT – Piano di Assetto del Territorio, di regolamenti sovraordinati e la revisione del Regolamento edilizio comunale e le Norme Tecniche di attuazione. Il Sindaco Rossella Cendron: “Siamo soddisfatti del fatto che abbiamo affrontato le richieste puntuali dei privati, accolte in almeno due bandi andando incontro alle esigenze che da anni attendevano risposta”.

Una nota sulla seduta è stata la consegna in apertura degli encomi del Sindaco ad alcuni cittadini che nell’ultimo periodo si sono distinti per capacità o comportamenti degni di nota, come Damiano Cavallin, allenatore della squadra di calcio “Condor Treviso” che durante una partita dello scorso febbraio ha insegnato il significato di gioco corretto, eliminando un suo giocatore per pareggiare il numero di uomini in campo; Emma Ragazzi, giovanissima ginnasta distintasi per particolari capacità sportive; Anita Feltre, che ha conseguito importanti risultati agonistici nella ginnastica artistica femminile; Francesco Grando, secondo classificato al Campionato Italiano indoor 2018 per il getto del peso, nella categoria T20 della Fisdir – Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Razionale; Marco Zamuner, terzo classificato agli “European Karate Cup 2018”, per la categoria Seniores 18-35 Kumite M -84kg, tenutisi lo scorso 28 gennaio; Egidio Giuriato, che per 66 anni ha svolto il servizio di Sacrista alla Comunità di Silea.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Attualità

A Pederobba è il giorno del taglio del nastro per il nuovo IperTosano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento