rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Attualità Centro

Ristoratori in protesta, sindacati preoccupati: «Non si accendano micce»

Alberto Irone, segretario generale della Filcams Cgil trevigiana, lancia un appello a Veneto Imprese Unite per la manifestazione "Io apro" in programma venerdì 15 gennaio

«Respiriamo già tutta la pesantezza della tensione sociale, manifestare il dissenso e le proprie posizioni è un diritto fondamentale, cerchiamo solo di non accendere micce che non sappiamo a quale deflagrazione potrebbero condurre».

A esprimere grande preoccupazione il segretario generale della Filcams Cgil trevigiana Alberto Irone, dopo l’annuncio del flash mob organizzato per venerdì prossimo dall’associazione che raggruppa i ristoratori “Veneto Imprese Unite”. «Dobbiamo tenere alto il senso di responsabilità di tutti, per primi coloro che rappresentano l’impresa e i lavoratori. Più che sacrosanto e legittimo protestare contro quelle scelte governative regionali o nazionali che crediamo lesive di diritti - sottolinea Alberto Irone - ci vuole però ponderatezza nell’azione di protesta e intransigenza per chi compie comportamenti illegali, e tutti, nessuno escluso, Istituzioni locali comprese, puntino nelle parole e nei fatti alla coesione sociale. Se la convinzione unanime è che solo uniti vinceremo sul virus lo si dimostri - conclude Irone - trovando le vie del dialogo e del confronto con le Istituzioni a tutti i livelli e non accendendo micce, le cui imprevedibile esplosioni potrebbero portare danni inimmaginabili al sistema sociale ed economico del nostro territorio».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristoratori in protesta, sindacati preoccupati: «Non si accendano micce»

TrevisoToday è in caricamento