Smog oltre i limiti: «Interventi sugli impianti di riscaldamento per limitare gli sforamenti»

Antonio Tolotto, presidente Comunità termoidraulici Confartigianato imprese Marca Trevigiana, propone una soluzione alternativa per arginare i continui sforamenti di Pm10 nella Marca

Impianti di riscaldamento in funzione

«È allerta rossa. Si è perso il conto degli sforamenti relativi alle pm10 in provincia di Treviso e più in generale nel Veneto: 26 giornate oltre i limiti su 31 giorni di gennaio. Nonostante le restrizioni alla circolazione il problema non trova soluzione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Antonio Tolotto, presidente Comunità termoidraulici Confartigianato imprese Marca Trevigiana, cerca di proporre una possibile soluzione al problema con queste parole: «A fronte di una situazione di allert persistente sono necessari altrettanti sforzi straordinari rientranti in una pianificazione di lungo periodo concertata tra tutti gli attori politici ed economici che deve avere come denominatore comune il benessere della collettività, l’attenzione alla salute, al miglioramento della qualità della vita per le comunità. I cittadini giocano un ruolo fondamentale nel processo di cambiamento e devono essere facilitati attraverso una maggiore sensibilizzazione sulle ricadute a livello sistemico dei comportamenti non virtuosi. L’amministrazione provinciale e alcune realtà comunali, sempre in bilico tra bilanci che non tornano e servizi  da offrire alla collettività, sono riuscite, con apprezzabili sforzi, a stanziare risorse per la sostituzione degli impianti obsoleti e in alcuni casi, per la manutenzione di quelli esistenti. C’è la necessità di trasformare questi comportamenti virtuosi, in azioni strutturali che non si limitino a singoli territori. L’urgenza è quella di strutturare un programma di azioni a medio lungo termine, dove la sostituzione delle caldaie obsolete con nuovi apparecchi dai consumi ridotti e a contenuto  impatto ambientale si inserisca in un piano di efficientamento degli edifici e di manutenzione programmata degli stessi. Il tutto sotto il controllo di una regia articolata a più livelli. In questo quadro impiantisti, manutentori, costruttori metterebbero a fattor comune le loro specifiche competenze e la loro professionalità  per l’individuazione delle migliori soluzioni in termini di efficientamento energetico oltre che di minore inquinamento. I cittadini, dal canto loro, devono essere protagonisti alla pari affinché gli sforzi anche economici delle amministrazioni, trovino eco nelle azioni e nei comportamenti della collettività, perché l’inquinamento non è qualcosa che qualcun altro deve risolvere, ma una responsabilità alla quale ognuno è chiamato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento