menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Smog alle stelle nella Marca: torna l'allerta "arancio"

Lo sforamento dei livelli di Pm10 per quattro giorni consecutivi ha costretto il Comune di Treviso a istituire nuove limitazioni al traffico in città per martedì 7 gennaio

A causa dello sforamento del valore limite giornaliero di Pm10 di 50 microgrammi/m3 per quattro giorni consecutivi, il Comune di Treviso ha dichiarato in queste ore lo stato di allerta "arancio". La misurazione dei livelli di Pm10 che ha fatto scattare il provvedimento è relativa ai giorni compresi tra il 31 dicembre e il 4 gennaio, prima quindi dei Panevin accesi domenica sera in moltissimi Comuni della Marca tra cui Treviso.

Martedì 7 gennaio la circolazione sarà interdetta, dalle 8.30 alle 18.30 ai seguenti veicoli: auro a benzina Euro 0 ed Euro 1; veicoli privati diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3 ed Euro 4; veicoli commerciali diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed EUuro 3 e ciclomotori e motoveicoli a due tempi Euro 0. E’ prevista una serie di deroghe per facilitare l’utenza e le attività produttive e commerciali: in primo luogo, potranno circolare i veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kw di conducenti muniti di copia dell’attestazione Isee pari o inferiore a 9.360 euro. Non saranno sottoposti ad alcun divieto i veicoli elettrici o ibridi, i veicoli a benzina con impianti a gpl o gas metano purché utilizzino questi ultimi due tipi di alimentazione, gli autobus adibiti al servizio pubblico di linea, i bus turistici, gli scuolabus, taxi e autovetture in servizio di noleggio con conducente, i veicoli di trasporto dei pasti per le mense, i veicoli a servizio dei portatori di handicap muniti di contrassegno, veicoli adibiti al trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili, i veicoli di soccorso (compresi quelli dei medici in servizio e dei veterinari in visita domiciliare urgente), i veicoli per il trasporto di farmaci, vetture con targa estera purché i conducenti siano residenti all’estero, i veicoli di servizio e nell’ambito dei compiti d’istituto delle Pubbliche Amministrazioni e delle Forze dell’Ordine, veicoli che devono recarsi alla revisione obbligatoria, veicoli degli ospiti degli alberghi e delle strutture ricettive, veicoli che trasportano almeno tre persone a bordo se omologati a quattro o più posti o con almeno due persone a bordo se omologati a due posti (car pooling), macchine agricole,  autoveicoli di interesse storico e artistico in occasione delle relative manifestazioni, i veicoli dei commercianti ambulanti che operano negli spazi inseriti nel piano del Commercio, i veicoli degli operatori del commercio all’ingrosso, i ciclomotori a tre ruote e i tricicli riferiti al trasporto merci, i veicoli degli istituti di vigilanza, i veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kw. Potranno circolare i veicoli di categoria N, Euro 3 (destinati al trasporto delle merci), con idonea documentazione, relativamente al carico e scarico nella fascia oraria dalle 8.30 alle 11 e dalle 15 alle 17. I veicoli di categoria N2 (aventi massa massima superiore a 3,5 t ma non superiore a 12 t) e N3 (aventi massa massima superiore a 12 t) afferenti alle attività cantieristiche edili o su strada con attestazione rilasciata dal datore di lavoro o l’autocertificazione indicante la sede e la durata temporale del cantiere potranno circolare nella fascia oraria dalle 8.30 alle 11 e dalle 15 alle 17.30. Saranno esentate le persone che non possono recarsi al lavoro con mezzi pubblici a causa dell’orario di inizio o di fine turno o del luogo di lavoro, limitatamente al percorso più breve casa lavoro (con dichiarazione del datore di lavoro) e i veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kw di proprietà di conducenti che abbiano compiuto il 70° anno di età.

Potranno circolare in deroga con apposito titolo autorizzatorio (documento scaricabile dall'apposita sezione del sito del comune di Treviso che dovrà contenere gli estremi del veicolo, le indicazioni dell’orario, del luogo di partenza e di destinazione) veicoli per il trasporto alle strutture sanitarie pubbliche o private per visite mediche, cure e analisi programmate; veicoli dei paramedici e dei tecnici ospedalieri; veicoli per il trasporto dei bambini e dei ragazzi per asili nido, scuole dell’infanzia, scuole secondarie di primo grado, limitatamente alla mezz'ora antecedente e successiva all'inizio e alla fine delle lezioni; veicoli di società sportive.

L'allerta sarà attiva fino a quado i valori di Pm10 nell'aria non torneranno entro i limiti consentiti per legge

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento