Spesa sospesa, un carrello nel parco per aiutare i più bisognosi

Succede a Castelfranco Veneto, nel quartiere Abruzzo. Chi può lascia alimenti confezionati nel carrello per aiutare le altre famiglie della zona in difficoltà

Il carrello per la spesa sospesa nel quartiere Abruzzo

Dati alla mano, si ipotizzano 150 chili raccolti nel mese di maggio. Si parla di generi alimentari ma soprattutto di spesa solidale. È quanto ricevuto dal comitato di Quartiere Abruzzo, il rione cittadino che si affaccia a nord su Borgo Treviso a Castelfranco Veneto.

Un carrello della spesa sistemato nel verde parco del quartiere esorta i residenti a lasciare alimentari confezionati per i più bisognosi con l’invito: “Se puoi metti, se non puoi prendi”, per una partecipazione nel pieno spirito di comunità. A supporto per raccogliere offerte a domicilio in pieno anonimato anche il numero mobile 3497714310. E la risposta è stata ampia con buona parte del raccolto che è stato destinato alla Caritas cittadina che assieme a le Discepoli del Vangelo, con il coordinamento dei servizi sociali, sta intervenendo nelle situazioni più critiche di famiglie e persone colpite da questa crisi. «Ringraziamo i volontari del quartiere Abruzzo per questa iniziativa che dimostra come il tessuto sociale della nostra città è vivo e sa essere forte ed unito nei momenti di difficoltà» commentano il sindaco Stefano Marcon e l’assessore al Sociale Piva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento