Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cambio al vertice dello Spi Cgil di Treviso: Barbiero lascia a Biscaro

Dopo otto anni di duro lavoro Paolino Barbiero ha ceduto il testimone a Vigilio Biscaro, 68enne trevigiano già sindacalista di lungo corso nel settore legno della Fillea Cgil

 

Alla presenza del segretario generale SPI CGIL nazionale Ivan Pedretti, è stato eletto oggi, venerdì 11 dicembre, il nuovo leader dei pensionati della CGIL trevigiana. Con 59 voti favorevoli e una scheda bianca Vigilio Biscaro raccoglie, in termini di numero di iscritti e di progettualità messe in campo, il grande lascito di Paolino Barbiero che conclude otto anni di mandato alla guida dello SPI CGIL di Treviso.

Classe 1952, trevigiano doc, residente a Villorba. Il lungo corso sindacale di Biscaro inizia negli anni ’80, militando per la CGIL come componente del Consiglio di fabbrica in un’industria della carta del trevigiano. Ha poi ricoperto il ruolo di segretario provinciale dell’allora FILIS CGIL, dal 1985 al 1989, per passare successivamente ai metalmeccanici come segretario generale della FIOM CGIL Destra Piave e membro del Direttivo nazionale dal 1989 al 1996. Un altro incarico per un’altra categoria, dal 2006 fino al pensionamento, del 2019, è stato membro della segreteria provinciale della FILLEA CGIL. Da sempre uomo di sinistra, dal 1975 al 1980 è stato, inoltre, consigliere comunale per il PCI a Villorba, dove ha ricoperto anche il ruolo di segretario della sezione del partito.

A Biscaro il compito di guidare il sindacato dei pensionati della CGIL di Treviso in questo difficile momento raccogliendo, in particolare, il grande patrimonio della contrattazione sociale costruito negli anni da Paolino Barbiero, che per la CGIL seguirà nuovi progetti che guardano alla rigenerazione urbana nel territorio della Marca. Lo SPI CGIL di Treviso oggi conta oltre 42mila iscritti confermandosi da anni la maggiore organizzazione di pensionati in Veneto.

“Dare continuità al lavoro finora portato avanti dalla categoria dei pensionati per dare sempre di più voce a questo popolo di cittadini, ai loro bisogni e alle loro peculiarità, portandole all’attenzione delle Istituzioni e degli stakeholder del nostro territorio, anche attraverso un maggior coinvolgimento della Confederazione e delle categorie dei lavoratori più vicine alle problematiche della Sanità, degli anziani e delle donne – questo il punto di partenza del neo eletto segretario generale dello SPI CGIL di Treviso Vigilio Biscaro –. Ambiamo ad avviare un percorso di contrattazione sociale in ambito sovracomunale che guardi alla fusione dei Comuni e alla rigenerazione delle aree depresse del territorio e delle nostre città – ha aggiunto Biscaro - Un lavoro collettivo che prevede l’impegno di tutta la squadra dello SPI a tutti i livelli di rappresentanza, che pensiamo sempre più formata e preparata a cogliere le sfide della contemporaneità e della digitalizzazione”.

Nel video gli interventi di:

Mauro Visentin, segretario generale CGIL Treviso
Vigilio Biscaro, neo eletto segretario generale SPI CGIL Treviso
Paolino Barbiero, segretario generale uscente SPI CGIL Treviso
Ivan Pedretti, segretario generale SPI CGIL Nazionale

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento