Lo Stadio Tenni torna a splendere grazie agli studenti della scuola edile

Gli operatori edili del futuro si prendono cura dei luoghi simbolo di Treviso: dalle Scuole Felissent allo Stadio Tenni, gli studenti dimostrano il loro impegno a favore della comunità

Gli studenti si riposano in una pausa dal lavoro

Passione, competenza, rispetto e amore per la città. Tutto questo è stato messo in campo dai 13 studenti della 3^ classe della Scuola Professionale Edile di Treviso che, da lunedì 28 settembre a giovedì 1° ottobre, si sono impegnati per riportare all'antico splendore lo Stadio Omobono Tenni di Treviso. Una riqualificazione che rientra nelle attività formative in assetto lavorativo denominate IMPRESA CIVICA EDILE, tramite cui i ragazzi fanno esperienza sul campo, contribuendo attivamente alla riqualificazione dei luoghi simbolo di Treviso.

Dopo la ridipintura effettuata nelle scorse settimane sulle facciate delle Scuole Medie Felissent, gli studenti della Scuola Edile, sotto l'attenta guida di istruttori-formati di comprovata esperienza, si sono impegnati per risistemare lo Stadio Tenni, in previsione dell'inaugurazione dello scorso 4 ottobre. Supportati dalla Grigolin Fornaci Calce, che ha fornito i materiali necessari, i ragazzi hanno intonacato una parte interna del muro di cinta e del muro divisorio tra l'area spettatori e l’area d’ingresso agli spogliatoi, riproducendo - in una nicchia attigua l’ingresso spogliatoi - lo stemma di Treviso.

I ragazzi hanno anche provveduto a lavare internamente il muro di cinta che costeggia via Ugo Foscolo, dall’ingresso degli spogliatoi sino al portale d'ingresso recentemente restaurato. Una operazione, quella di lavaggio e scrostatura dell'intonaco preesistente, che consentirà agli studenti della Scuola Edile di procedere – non appena arriverà l'ok dagli uffici competenti - con il lavoro di intonacatura di tutta la superficie interna del muro di cinta. Un'occasione davvero unica, che gli operatori edili di domani hanno affrontato con grande impegno ed entusiasmo, consapevoli – e giustamente orgogliosi - di poter dare il proprio contributo alla comunità.

L’esperienza si è conclusa giovedì 1 ottobre con una speciale lezione “sul campo – allo stadio” dell'ingegnere Roberto Dal Moro, incaricato nel 2017 dal Comune di Treviso di stendere una relazione sull’idoneità statica delle tribune del Tenni: «Una lezione particolarmente interessante e molto apprezzata dagli studenti - commenta Sandro Martin, direttore della Scuola Professionale - che ha  fatto comprendere ai nostri studenti  il metodo che l'Ing. Dal Moro ha applicato per eseguire l’indagine, valutare lo stato del degrado e come si potrà intervenire con piccoli ma  importanti interventi di manutenzione delle parti in  calcestruzzo per risanare le strutture. E, nella prossima primavera, i nostri ragazzi potranno mettere in pratica gli insegnamenti ricevuti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stadio Tenni - nicchia con stemma Treviso_LR-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Zaia, nuova ordinanza per le scuole superiori: «Didattica digitale al 75%»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento