rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità Conegliano

Sono trevigiani 3 dei 100 più importanti progetti italiani di architettura del 2021

Negli ultimi 12 mesi lo Studio Mario Mazzer Architects ha vinto 10 premi internazionali, di cui 8 all’estero, come il prestigioso Good Design Award per la maniglia anti Covid-19 a Chicago

Parlano trevigiano, anzi più precisamente coneglianese, tre dei più importanti progetti di architettura del 2021 selezionati dalla IV edizione del Premio Regula, che compariranno nella pubblicazione titolata “100 progetti italiani”, curata dall’architetto Franco Bulgherini e pubblicata da RDE Editore. Si tratta di tre creazioni della fucina di Mario Mazzer Architects, professionista nato e tutt’ora presente con il suo studio nella città del Cima.  Il primo dei tre, il progetto “Snaidero USA New York City Flagship store”, è anche risultato primo classificato nella categoria retail (sette in totale i progetti premiati), assieme a quelli di famosi archistar quali Renzo Piano, premiato per il progetto del nuovo “Ponte di Genova”, e dello Studio Italo Rota (studio che ha progettato il padiglione Italia all’Expo di Dubai), premiato per il progetto “Musei civici Reggio Emilia”.

“Sono onorato per questo riconoscimento, che dimostra come vivendo e lavorando in provincia si possano creare architetture e interior design di eccellenza – spiega l’architetto Mario Mazzer, di rientro da Roma dove ha ricevuto dal Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Ing. Massimo Sessa, il premio Regula per il retail – la nostra forza è l’essere nati dal design e di portare nell’architettura il valore del dettaglio. Progettiamo come se dovessimo scrivere un romanzo, ricco di particolari, nel quale il concept parte dall’interno. La qualità che riusciamo a dare è al millimetro. Questa filosofia ci ha portato anche quest’anno a ricevere ben dieci  riconoscimenti”.

Lo showroom “Snaidero USA New York City Flagship store” aveva già vinto 3 premi negli Stati Uniti tra i quali il prestigioso International Architecture Award 2021 nella categoria Retail. Gli altri due progetti che entrano con forza nella pubblicazione dei lavori più significativi dell’architettura italiana del 2021 sono Villa Emma in Costa Smeralda, una grande abitazione privata situata accanto a quella di Berlusconi, che sorge sul promontorio che guarda il Mar Tirreno, e la Cantina Bertinga a Gaiole in Chianti, di proprietà di Anatoly Korneev e Maxim Kashirin, prima conosciuti come gli ambasciatori del vino italiano in Russia e ora diventati anche imprenditori.  Per Villa Emma lo Studio Mario Mazzer Architects è stato premiato la settimana scorsa a Parigi con il DNA Award per l’architettura e con una menzione d’onore per l’immagine coordinata di un Brand Italiano.

TRA I 10 PREMI VINTI QUESTO ANNO, LA MANIGLIA ANTI COVID 19 - Mario Mazzer nasce professionalmente come designer e architetto a Milano, maestri Achille Castiglioni e Marco Zanuso. Oggi continua a creare con successo nuovi oggetti, come dimostra il premio recentemente vinto, il 2020 Good Design Award per la maniglia NoHand. La maniglia anti covid-19, selezionata dall'Osservatorio permanente del Design ADI per la pubblicazione sull’ADI Design Index 2020, il primo volume del ciclo biennale che raccoglie quanto preselezionato per il Premio Compasso d'Oro ADI 2022.

“Questa maniglia fa leva sul fatto che gomito e avambraccio sono le parti del corpo delegate alla funzione di apertura e chiusura della porta, proteggendo quindi le mani dalla contaminazione da virus e batteri. – aggiunge Mario Mazzer - La sua forma essenziale e moderna è data da un cilindrico che si eleva in alto per facilitare l’apertura con il gomito e avambraccio. Un piccolo cambiamento delle abitudini del singolo diventa così utile alla collettività, soprattutto in quei luoghi pubblici ad alta frequentazione, dove la continua sanificazione diventa difficile se non impossibile”.

DAL DESIGN ALL’ARCHITETTURA, CON UN GRANDE SOGNO NEL CASSETTO – Mario Mazzer architetto ha progettato diversi interventi nel territorio della Marca trevigiana. Due tra i quali la sede della Homes di Pieve di Soligo e la Clinica Ambulatoriale del Centro di medicina Conegliano, che ha ricevuto la menzione speciale ad uno dei maggiori premi internazionali per l’architettura, il premio Architizer A+ Awards di New York, nella categoria “Health Care & Wellness”.

“Sono nato qui e qui sono voluto tornare a vivere e lavorare per la qualità della vita. Mia moglie, milanese, quando aspettavamo la prima figlia decidette che qui sarebbe cresciuta meglio e ci siamo trasferiti – conclude Mario Mazzer, architetto e designer - per la tranquillità quindi, ma non solo, anche per la consapevolezza che la provincia è generatrice di innovazione. Quando spiego ai miei clienti stranieri che non vivo a Milano non ne capiscono la ragione. Poi li invito qui, soggiornano al Canon d’Oro, passeggiamo insieme per XX Settembre, pranziamo a Venezia o sulle colline Unesco. Vedendo la serenità e la libertà mentale con cui lavoriamo capiscono come nascono le creazioni più ardite. Per coronare il tutto mi piacerebbe firmare un’ architettura contemporanea per quest’area, che valorizzi la sua vocazione vitivinicola. Penso ad un centro della cultura enologica, una struttura relazionale come la citè du vin a Bordeaux, pensata e realizzata a Conegliano, che è la patria del Prosecco, ma soprattutto il fulcro di un percorso che ha portato, con il riconoscimento Unesco, ad accendere i riflettori del mondo sul nostro territorio”.

MARIO MAZZER 5-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sono trevigiani 3 dei 100 più importanti progetti italiani di architettura del 2021

TrevisoToday è in caricamento