Inizia la maratona musicale estiva sulle Mura di Treviso: ecco Diodato e Sananda Maitreya

La musica inizia alle 19 sui palchi lungo le Mura. Sul main stage, invece, riflettori accesi a partire dalle ore 20. Comincia così l'estate di Suoni di Marca 2018

TREVISO Tornano le serate tra la musica, i sapori e le stelle, sulle Mura rinascimentali di Treviso. Torna Suoni di Marca, il Festival musicale ad ingresso gratuito più lungo d’Europa. Per la sua 28ma edizione - dal 19 luglio al 5 agosto 2018 – Suoni di Marca ripropone il suo format fatto di concerti che spaziano dal blues al reggae, dalla musica classica al rock progressive, dal trip-hop al soul, dal folk al jazz, dalla canzone d’autore alla scena alternative rock fino al tango.

Giovedì 19 luglio toccherà a Sananda Maitreya (già noto come Terence Trent D’Arby) inaugurare la lunga parata di grandi live della rassegna. Il cantante, polistrumentista, scrittore e produttore statunitense sarà l’ospite principale del mai stage sul Bastione San Marco, dove presenta il suo nuovo lavoro "Prometheus & Pandora", con il quale ha festeggiato i suoi trent'anni di attività, durante la quale ha ottenuto quattro nomination ai Grammy del 1988 e il premio come miglior performance maschile R&B. La sua musica viene definita post millenium rock, ovvero un mix di molti stili differenti come opera, country, classica, jazz, blues, gospel, reggae, pop e rock.

L’artista, già paragonato per somiglianze artistiche e vocali ad alcuni grandi musicisti come Prince, Michael Jackson e Sam Cooke, con il nome aristocratico D’Arby derivante da un apostrofo artificiosamente aggiunto al cognome del suo patrigno fece un disco memorabile che vendette un milione di copie solo nei primi tre giorni, e poi più di dieci milioni in tutto il mondo. ‘Introducing the Hardline’ ottenne quattro nomination ai Grammy del 1988 e il premio come miglior performance maschile R&B. Conosciuto fin dall’inizio del 2001 come Terence Trent D’Arby, conquista il pubblico con le hit Dance little sister, Sign your name, Wishing well e si fa notare per una bellezza che ancora oggi, a 55 anni, fa sgranare gli occhi.

Nel 1995 decide di ribattezzarsi in Sananda Maitreya, nome che diventerà legale solo dal 2001. Pochi anni dopo Maitreya decide di ritirarsi dalla scene per sei anni e quando decide di ricomparire, lo fa ancora una volta dall’Europa. Nel 2011, durante la sua permanenza a Monaco, crea una sua etichetta, la Treehouse Pub e si trasferisce poi a Milano, città dove vive tutt’oggi. L’anno scorso Maitreya festeggia i suoi trent’anni di carriera come artista solista con ben sedici album (di cui sei come Terence Trent D’Arby). «Sono contento che in tanti mi ricordino per le canzoni che ho scritto e che canto ancora con grande piacere, ma quello era l’uomo che viveva del successo e di tutte le cose effimere che la popolarità porta con sé. Superficialità che portano alla dissoluzione e alla morte. Sono sempre stato un artista e non una star e ho preferito vivere piuttosto che godere di ciò che gli altri vedono nella tua vita»

In apertura di serata (che inizierà alle ore 20) Suoni di Marca ospiterà Diodato, uno dei volti nuovi e più apprezzati della canzone d’autore pop-rock italiana. Dopo la partecipazione al Festival di Sanremo 2018 con Roy Paci, nella categoria big con il brano "Adesso" da lui scritto, torna in tour in Italia e all'estero con il proprio progetto solista e la propria band. Nel frattempo, continua il successo di "Adesso", che rimane stabile in top 30 della classifica delle canzoni più trasmesse in radio.

Ma non è tutto, perché i palcoscenici di Suoni di Marca sono ben quattro (oltre al principale, San Marco, lungo le mura sono distribuiti i palchi SS. Quaranta, Caccianiga e Fra’ Giocondo), e vi si alterneranno Il Re Tarantola (nome del progetto lo-fi/indie/rock/alternativo del cantautore Manuel Bonzi - ore 19 Palco Caccianiga), One Man Bluez (pseudonimo del chitarrista, armonicista e compositore romano Davide Lipari, autore di un garage-rock-blues sanguigno e viscerale - ore 19 palco SS. Quaranta), Stan On 45 (Dj set di uno dei maggiori collezionisti di vinili 45 giri in Italia, con una selezione di suoni founk/soul/afro - alle 19.30 al palco Fra’ Giocondo e, dopo le 23, al Palco Caccianiga).

Inoltre, come di consueto Suoni di Marca proporrà anche il suo "Percorso del gusto", viaggio enogastronomico in questa città dal cuore musicale nel cuore storico della città di Treviso. Prenderanno, infatti, parte al Festival numerosi locali della città e della provincia con le loro differenziate offerte che spaziano dalla tradizione veneta alle pizzeria, dai locali etnici alla cucina fusion, fino alle proposte di  pub e finger food, ma anche di gelaterie, yogurterie, pasticcerie e caffetterie. E, nella zona longue, cocktails e miscelati per ogni momento della serata.

E si ripete anche la fortunata proposta del mercatino dell’artigianato, e la zona mercato per esposizioni, dove troveranno posto, come di consueto, associazioni sportive e di volontariato o che operano nel mondo dell’infanzia e tanti giovani artisti. Ma Suoni di Marca si conferma anche un Festival a misura delle esigenze di ciascuno, con il suo spazio dedicato alle famiglie, in cui tutti i giorni (ore 18-23,30) saranno attivi animazione e baby-sitting nella zona coperta dedicata ai più piccoli, dove numerose Associazioni possono gestire più di 500 bambini a sera. Tutto realizzato con grande attenzione all’ambiente: grazie all'impegno degli oltre 150 volontari impegnati nella raccolta differenziata, nonostante la complessità dell’evento e la delicatezza della location, Suoni di Marca ha ottenuto la classificazione di “Tariffa Zero” per l’ecosostenibilità e l’attestato di “Evento Ecosostenibile Virtuoso”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento