menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Suoni di Marca 2018, venerdì con Rick Wakeman e Tony Pagliuca

Sarà una performance unica, un confronto tra l’esperienza inglese, più barocca e cristallina di Rick Wakeman conosciuto al grande pubblico per essere stato il tastierista dei mitici Yes nei primi anni 70’, e quella più avanguardista di Tony Pagliuca ex componente delle Orme

TREVISO Venerdì  3 agosto, serata dedicata agli amanti del rock inglese degli anni Settanta, a chi è convinto che il rock “progressivo” sia stata una delle più belle e complete conquiste ed avventure musicali di quegli anni di un genere che si distacca dal reale per portare l’ascoltatore in un mondo onirico fatto di melodie rarefatte. Sarà una performance unica, un confronto tra l’esperienza inglese, più barocca e cristallina di Rick Wakeman conosciuto al grande pubblico per essere stato il tastierista dei mitici Yes nei primi anni 70’, e quella più avanguardista di Tony Pagliuca ex componente delle Orme, punta di diamante assieme alla Premiata Forneria Marconi del Progressive Italiano, con un denominatore comune: il pianoforte.

Con 50 anni di carriera alle spalle, Rick Wakeman si esibirà con un concerto solo pianoforte. L’album che presenterà, “Piano Portraits”, è il centesimo della sua straordinaria carriera e, uscito a gennaio, è già un successo: il primo per piano solo ad entrare nella Top 10 del Regno Unito. Le 15 tracce dell’album spaziano da David Bowie ai Beatles, dagli Yes ai Led Zeppelin, passando per il “Chiaro di luna” di Debussy o il “Lago dei cigni” di Tchaikovsky. Soprannominato “la lunga chioma bionda del rock”, Wakeman durante il suo periodo con gli Yes inventò un nuovo modo di usare le tastiere e il Minimoog, aprendo letteralmente la strada alle moderne tecniche e ai suoni del progressive-rock. Inoltre è stato per anni l’arrangiatore di David Bowie con cui ha scritto la celebre ‘Life on Mars’ e di Elton John e ha realizzato album con numerosi altri artisti, tra i quali Cat Stevens, Black Sabbath e Lou Reed.

Ad aprire la serata alla grande leggenda britannica ci sarà Tony Pagliuca, componente delle Orme nella seconda metà degli anni 60’. Agli inizi degli anni 90’ inizia la sua carriera da solista pubblicando ben 7 album. Il suo ultimo album “Canzone d’amore” è una rivisitazione al pianoforte di 13 pezzi delle Orme più un inedito, durante il live Pagliuca presenterà oltre ad alcuni brani dell’album, anche i brani dei suoi lavori solistici degli ultimi trenta anni, riproposte nella loro stesura iniziale, appunto al piano solo.

Inoltre:

Alle 19 sul Palco Hotel Maggior Consiglio Ss. Quaranta  ci saranno i Sinedades (Erika Broschi e Ahustin Cornejo) sospesi tra pop e tradizione, wourd music e MPB (Musica Popolare Brasiliana), storie d’Europa e di Sudamerica.

Sempre alle 19, il Caccianiga Stage accoglierà The Bankrobber, rock band nata a Riva del Garda nel 2008 con musica principalmente influenzata dalla British New Wave e Post Punk Revival del nuovo millennio.

Alle 19,30 al Palco Fra’ Giocondo, Dj set del tuo Teste Scalze (Riccardo De Benetti & Gianni Pezzato), che pescano dalle colonne sonore per rievocare scene da B-movies. Dai grandi artisti afroamericani di metà anni 60 fino agli interpreti contemporanei, per poi passare all’Electro Funk e al Breakbeat più energico.

Infine, al Caccianiga Stage, alle 23,  Dj Set con Alex Paone, affermata figura di dj nei più svariati locali del nord-est e non solo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento