Attualità Sant'Antonino / Piazzale dell'Ospedale

Esenzione per insegnante senza vaccino: «Szumski sarà segnalato»

Lo ha annunciato giovedì 23 settembre il direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi. La segnalazione è arrivata da una scuola del Friuli. Il medico di Santa Lucia di Piave è accusato di aver firmato certificati di esenzione a cittadini che non erano suoi assistiti. Provvedimenti in arrivo

Il dottor Riccardo Szumski è accusato di aver firmato certificati di esenzione vaccinale a cittadini che non erano suoi assistiti. La segnalazione è partita da una scuola del Friuli dove un'insegnante, sprovvista di Green Pass, ha presentato alla dirigenza un certificato di esenzione firmato dal medico di Santa Lucia di Piave, pur non essendo una sua paziente. 

I vertici dell'istituto scolastico hanno contattato l'Ulss 2 per chiedere spiegazioni in merito e l'azienda sanitaria ha confermato che l'insegnante non era un'assistita di Szumski. Il medico di Santa Lucia è abilitato a firmare certificati di esenzione solo per i suoi pazienti. La violazione di questa norma comporta la segnalazione all'Ordine dei medici che l'Ulss 2 provvederà a fare nei prossimi giorni dopo aver raccolto altri possibili casi di certificati non validi firmati da Szumski. Il caso dell'insegnante friulana non sarebbe l'unico. A rendere nota la vicenda, giovedì 23 settembre, è stato il direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi. «Per legge il dottor Szumski non può firmare certificati di esenzione ai non assistiti. Ha trasgredito la norma. Verificherò di persona tutti i certificati fatti da lui e, se emergeranno altre irregolarità, le segnaleremo tutte in una volta all'Ordine dei medici». Sono 120, invece, i dipendenti dell'Ulss 2 che non si sono ancora sottoposti alla vaccinazione. Tra di loro ci sono: operatori socio sanitari, infermieri e pochi medici. Tutti hanno ricevuto una lettera di sollecito a vaccinarsi. Tra due settimane l'azienda sanitaria incontrerà i sindacati e valuterà i provvedimenti da prendere nei confronti dei sanitari che non avranno ancora prenotato la vaccinazione. Nel frattempo sono state inviate anche le lettere al personale sanitario non vaccinato delle case di riposo. Dal 15 ottobre il Green Pass sarà obbligatorio per tutti i dipendenti dell'azienda sanitaria.

Il bollettino di oggi

Sono 65 i pazienti ricoverati negli ospedali della Marca (+1 rispetto a ieri, ricoverato in Malattie infettive a Treviso) di questi 8 sono in terapia intensiva (5 Treviso e 3 a Vittorio Veneto). L'età dei ricoverati va dai 27 anni in su. Non ci sono giovani in ospedale. In miglioramento le due donne incinta ricoverate nei giorni scorsi mentre la terza (la più grave) non è ancora fuori pericolo. 12.564 i "super fragili" residenti nella Marca inseriti nel portale della Regione per la prenotazione della terza dose di vaccino. In aumento i numeri dei tamponi fatti nei Covid point della Marca (effetto del rientro nelle scuole). Mercoledì 22 settembre sono stati 1836 i tamponi fatti di cui l'1,67% ha dato esito positivo. Nei giorni scorsi la media di tamponi fatti era di circa 1500. L'incidenza nella Marca è di 60 casi su 100mila abitanti, di questi un caso su 4 ha meno di 12 anni. I vaccinati con almeno una dose nella Marca sono saliti all'82,1%. La copertura complessiva con cicli completi è del 75,5%. Al 31 ottobre l'Ulss 2 punta a raggiungere l'82,3% dei vaccinati. Mercoledì più della metà delle vaccinazioni fatte erano prime dosi per tanti giovani ad accesso diretto. Sono 11mila i prenotati da vaccinare nei prossimi giorni mentre si stima che saranno 7mila i giovani che si vaccinaranno ad accesso diretto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esenzione per insegnante senza vaccino: «Szumski sarà segnalato»

TrevisoToday è in caricamento