rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Attualità Santa Lucia di Piave

Szumski radiato dall'Ordine dei medici: decine di email contro l'Ulss 2

In tantissimi hanno scritto all'azienda sanitaria non capendo che la decisione era stata presa dall'Ordine dei medici. Il Pd di Treviso commenta invece la fiaccolata a sostegno di Szumski «Il prefetto vigili con la massima attenzione»

Sono decine e decine le email arrivate mercoledì 17 novembre all'Ulss 2 in difesa del dottor Riccardo Szumski, sindaco e medico di base a Santa Lucia di Piave. I messaggi contengono offese e accuse contro l'azienda sanitaria trevigiana e il direttore generale, Francesco Benazzi, che commenta: «Gli autori di questi messaggi sono convinti che la radiazione del dottor Szumski dipenda dall'Ulss 2 ma in realtà è stata decisa dall'Ordine dei medici. Sto comunque rispondendo a tutti di persona, finora non abbiamo ricevuto minacce ma le offese non sono mancate - continua Benazzi -. Tra me e il dottor Szumski non c'è nulla di personale. Per me l'unico rimedio per uscire dal Covid resta la vaccinazione». 

Fiaccolata a sostegno di Szumski

Giovanni Zorzi, segretario provinciale del Partito Democratico a Treviso, commenta invece la fiaccolata annunciata a sostegno del sindaco di Santa Lucia di Piave: «Chiedo al Prefetto di vigilare con la massima attenzione affinché la fiaccolata annunciata non dia luogo a situazioni di rischio per la sicurezza della comunità di Santa Lucia di Piave. Oggi la Marca, per numero di positivi, risulta la provincia veneta più esposta al virus: non vogliamo che succeda come a Trieste, considerati i sacrifici fatti da commercianti, artigiani e lavoratori in questi mesi per riprendere a lavorare e a produrre. L’offesa che il sindaco Szumski ha rivolto alla più alta carica dello Stato è di una gravità assoluta - afferma ancora Zorzi - A nulla valgono le sue giustificazioni: se fosse stato coerente con le sue posizioni, Szumski avrebbe già dovuto dimettersi da sindaco». La segreteria del Circolo del Partito Democratico di Santa Lucia di Piave si dice «in totale disaccordo con le posizioni assunte dal sindaco in merito alla pandemia che hanno portato alla farsa del gazebo in piazza. Siamo solidali con il Capo dello Stato per la grave offesa istituzionale ricevuta da un sindaco della Repubblica . puntualizzano i dem di Santa Lucia -. È ora di fare chiarezza: persone con incarichi istituzionali devono avere il senso della misura anche nel manifestare le proprie opinioni, perché non rappresentano solo se stessi».

I consiglieri di minoranza Paola Bornia ed Alessandro Marsura della lista “Cambiare Santa Lucia” ricordano infine che «fin da inizio pandemia il sindaco definiva le mascherine ‘museruole’, con dubbio senso dell’ironia rispetto ad un problema sanitario che ha creato migliaia di vittime. In consiglio comunale - dicono ancora - ci siamo espressi a favore del green pass, che invece dal sindaco è stato definito addirittura ‘un ricatto nei confronti delle persone’. Ci riteniamo infine offesi dal fatto che un sindaco che rappresenta lo Stato a livello locale, ne insulti invece il suo Presidente dandogli del traditore e per questo ne chiediamo le immediate dimissioni».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Szumski radiato dall'Ordine dei medici: decine di email contro l'Ulss 2

TrevisoToday è in caricamento