rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità

Tagli alla polizia postale di Treviso, Conte: «Scriverò al ministro Lamorgese»

L'organico in pochi mesi passerà da 8 a 5 operatori specializzati: «Non dobbiamo abbassare la guardia. Nel 2021 non si può prescindere da queste attività che non vanno ridotte ma implementate»

«Esprimo preoccupazione per il taglio di organico della Polizia Postale di Treviso, che in pochi mesi passerà da 8 a 5 operatori specializzati. Una riduzione che può avere conseguenze gravi sulla sicurezza dei cittadini: l’attuale organico era già al minimo con un sovraccarico di lavoro». Così il sindaco di Treviso Mario Conte sulla situazione messa in luce dal sindacato autonomo di Polizia (Sap), sulla quale è intervenuto anche il procuratore capo facente funzione Massimo De Bortoli. «La Polizia Postale si occupa di attività particolarmente importanti, dalla repressione dell’hackeraggio alle frodi informatiche e ai reati legati alla pedopornografia», continua il primo cittadino. «In un mondo sempre più informatizzato e presente sul web tramite smartphone, piattaforme social, e-commerce, condivisione e scambio dati non si può abbassare la guardia. Scriverò al Ministro dell’Interno Lamorgese affinché non si tenga alta l’attenzione sulle fattispecie criminose legate al web e, purtroppo, anche all’adescamento di minori e alla diffusione di materiale pedopornografico. Nel 2021 non si può prescindere da queste attività che non vanno ridotte ma implementate» conclude Conte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli alla polizia postale di Treviso, Conte: «Scriverò al ministro Lamorgese»

TrevisoToday è in caricamento