Cisl Treviso, tamponi a dipendenti e sindacalisti: «Oltre 170 adesioni»

Lunedì 18 gennaio il doppio screening, su base volontaria, in quattro sedi interprovinciali a Treviso e Belluno. Massimiliano Paglini: «Adesione quasi totale»

Tamponi rapidi (Foto d'archivio)

Tutto pronto in quattro sedi della Cisl di Treviso e Belluno per lo screening Covid-19 su base volontaria degli operatori, sindacalisti e  dipendenti del Caf, del Patronato Inas e di tutti i servizi Cisl. Più di 170 le persone che hanno aderito.

I tamponi verranno effettuati su appuntamento a partire da lunedì in quattro sedi (Conegliano, Montebelluna, Treviso e Belluno), dove sono in allestimento degli spazi dedicati rispondenti alle necessarie misure per l’effettuazione dei tamponi da parte degli operatori sanitari in piena sicurezza: aerazione, distanziamento, gestione dei flussi di ingresso e uscita. Verranno effettuati tamponi rapidi. In caso di positività, verrà fatto immediatamente il molecolare. «È una iniziativa che abbiamo condiviso con tutti i dipendenti e che ha registrato un’adesione pressoché totale - sottolinea il presidente Massimiliano Paglini - Si tratta di uno screening fondamentale al rientro dopo le festività natalizie per tutelare i singoli operatori così come le tante persone con cui ogni giorno veniamo in contatto nello svolgimento della nostra attività, sia negli uffici delle nostre sedi, dove - lo ricordiamo - si accede solo su appuntamento, che nei luoghi di lavoro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento