Giovedì, 21 Ottobre 2021
Attualità Conegliano / Viale Venezia, 91

Centro di Medicina, oltre 7mila tamponi fatti nell'ultimo mese: «Non abbassiamo la guardia»

Aumentano le richieste di: turisti, lavoratori del commercio e insegnanti. Una task force porta il Covid point nelle piazze a supporto di eventi e fiere. Da ferragosto cresciuto del 30% il numero dei test sierologici anticorpali

Sono oltre 7mila i tamponi fatti nell’ultimo mese nei 50 punti "Centro di Medicina" presenti sul territorio veneto, con punte giornaliere che hanno superato anche i 500 test. Dalla sede del laboratorio analisi di riferimento, situato a Conegliano, si registrano alcuni fenomeni importanti: da un lato la grande azione di supporto data al litorale con i Covid Point in aeroporto e nelle piazze, vedi Jesolo, dove i turisti, italiani e stranieri, e gli operatori del settore alberghiero e direzionale hanno ricavato un utile supporto. La tipologia di utenza è stata principalmente straniera, per il 70%. Tra gli italiani, oltre ai turisti anche il personale di ristoranti, negozi e alberghi dall’altro bisogna considerare che il tampone è per la popolazione il principale sistema di monitoraggio.

Dall’altro lato, a fronte di una fetta ancora importante di popolazione non vaccinata, lo screening a mezzo tampone rapido è fondamentale non solo per accedere al posto di lavoro o alle attività ricreative, oltre che per le attività sportive. Il fatto di riuscire a dare Green pass e referto a poche ore dal test viene molto apprezzato dall’utenza. Al fine di facilitare l’accesso al servizio, il gruppo Centro di Medicina ha potenziato la propria presenza all’esterno, in eventi popolari, sportivi e fieristici, grazie ad una task force che unisce personale infermieristico ed amministrativo e un call center sempre attivo in grado di dare assistenza sul Covid per chi viaggia e per chi lavora. Nelle sedi ha ridotto ulteriormente il costo degli esami di screening, portando il tampone rapido a 15 euro e il test sierologico quantitativo a 25 euro. Quest’ultimi in particolare hanno visto lievitare la loro richiesta da Ferragosto ad oggi del 30%. In seguito alla vaccinazione o in seguito ad una passata infezione da Covid moltissime persone chiedono infatti il test quantitativo che misura gli anticorpi neutralizzanti del SARS-CoV-2.

stampante covid 19-2

Con un livello di contagio ai minimi termini, è ridotto il ricorso al tampone molecolare naso-faringeo PCR. Si ricorda in ogni caso che al momento questa metodica è ancora il Gold Standard per la diagnosi di SARS-CoV-2. Sono in fase di sperimentazione i test salivari molecolari, considerati un’opzione per il rilevamento dell’infezione da SARS-CoV-2 qualora non sia possibile ottenere tamponi oro/nasofaringei, soprattutto in caso di individui fragili (anziani o disabili) e per i bambini. Allo stato delle cose le tre metodiche di screening disponibili presso il network Centro di medicina sono il tampone molecolare Pcr, tampone antigenico rapido e test sierologico qualitativo e quantitativo. Per informazioni è sempre attiva la mail: covid@centrodimedicina.com.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro di Medicina, oltre 7mila tamponi fatti nell'ultimo mese: «Non abbassiamo la guardia»

TrevisoToday è in caricamento