Attualità

Una targa nel giardino del Planck per ricordare tre studenti scomparsi tragicamente

L'inaugurazione sabato ultimo giorno di scuola. Seguiranno le premiazioni degli alunni più bravi

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

L’anno scolastico si chiude ma resta vivo il ricordo degli studenti che prematuramente hanno lasciato la comunità dell’Istituto Max Planck. L’ultimo pensiero dell’anno va a Nicolò di Giacomo morto a 17 anni in un incidente stradale nel novembre 2019, Mattia Da Ros e Filippo Monego mancati improvvisamente, a 18 e a 15 anni, nell’estate 2020. A loro sarà dedicata sabato 5 giugno un’epigrafe in memoria nel giardino della scuola alla presenza della dirigente Emanuela Pol, dei docenti, dei familiari e soprattutto dei compagni di scuola. Un modo per non dimenticare e sottolineare il valore della vita e il privilegio di poter continuare a condividere gioie e fatiche della scuola.

La conclusione dell’anno scolastico all’Istituto Max Planck tira le fila di un percorso impegnativo che tra Dad e scuola in presenza, non ha rinunciato alle scommesse e ai progetti. I giorni finali sono così dedicati alle premiazioni che mai come quest’anno sono motivo di grande soddisfazione. La Dirigente Emanuela Pol consegnerà sabato un riconoscimento a tutti gli studenti (convocati a turno in aula magna) che hanno partecipato a concorsi e progetti di Istituto nonché alle competizioni provinciali, regionali e nazionali delle diverse discipline scientifiche. Alcuni di essi hanno raggiunto traguardi di eccellenza. Alan Dal Col (4CII) e Manuele Saccon (4DII) sono stati ammessi alla competizione nazionale delle Olimpiadi di Informatica dopo essersi affermati tra 10.740 candidati della selezione scolastica e tra 2.567 candidati alla prova territoriale regionale. Lo studente Alessandro Vettor (4C Informatica) in squadra mista con altri studenti universitari si è aggiudicato il premio internazionale “Cyber Challenger” tenutosi a Ca’ Foscari e organizzato dal Rochester Institute of Tecnology.

Circa 700 squadre si sono sfidate sul tema della sicurezza Informatica. Sono da segnalare poi Paolo Da Ros (5B Liceo) primo alle regionali dei Giochi della Chimica, secondo alle Olimpiadi regionali di Fisica, nonché decimo alle Olimpiadi regionali di Matematica. Nelle gare Euso (Olimpiadi europee delle Scienze sperimentali) si è distinta la squadra composta da Davide Benetton (3A liceo), Lorenzo Dotto(2B liceo), Nikolay Miglioranza (3C liceo) piazzatisi in fascia oro a livello regionale e in fascia d’argento alle nazionali. Da non dimenticare la squadra formata da 11 studenti, vincitrice del titolo nazionale di robotica della First Lego League. Premiazioni anche ai vincitori dei concorsi di istituto: per “Ri-CREAzione”, gara di scrittura scientifica/fantascientifica e di pittura su “scienza e ambiente” indetto con Leo Club Treviso Europa si sono distinti Filippo De Lazzari (3B liceo) e Aurora Bonesso (1C liceo). Nel concorso “Segnalando” gli alunni hanno progettato e disegnato cartelloni con indicazioni di comportamento anti-Covid-19 da collocare nelle aule, nei corridoi e nell’atrio della scuola: si sono distinti Giuseppe Parato, Riccardo Zara e il gruppo “Error 404” formato da Francesco Amatruda, Leonardo Calzavara, Elena Zen (classe 2L-Itis).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una targa nel giardino del Planck per ricordare tre studenti scomparsi tragicamente

TrevisoToday è in caricamento