Nuova tassa sulla carne trevigiana, Coldiretti: «Una pazzia»

Il presidente Giorgio Polegato commenta la proposta di un gruppo di animalisti, appoggiati da parlamentari europei, per stangare la carne bovina, suina e di pollo con aumenti del 25%

«La provincia di Treviso ha la carne tra le più buone d’Italia. Vogliamo distruggere anche questo settore?». Giorgio Polegato, presidente di Coldiretti Treviso scende in campo a difesa del settore zootecnico trevigiano in merito alla proposta di un gruppo di animalisti, appoggiati da parlamentari europei, di stangare la carne bovina, suina e di pollo con una nuova imposta al 25% che, una volta  entrata a regime nel 2030, servirebbe a togliere dalle tasche dei consumatori europei 32 miliardi di euro l’anno per finanziare il Green deal.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accordo verde europeo è un insieme di iniziative politiche portate avanti dalla Commissione europea con l'obiettivo generale di rendere l'Europa neutrale dal punto di vista climatico nel 2050. Sarà inoltre presentato un piano di valutazione d'impatto per aumentare le riduzioni delle emissioni di gas a effetto serra dell'Ue obiettivo per il 2030 di almeno il 50% e verso il 55% rispetto ai livelli del 1990. Il piano è quello di rivedere ogni legge esistente sui suoi meriti climatici e introdurre anche nuove leggi sull'economia circolare, il rinnovamento degli edifici, la biodiversità, l'agricoltura e l'innovazione. «Non si possono mettere sullo stesso piano tutte le produzioni e adottare misure che valgono sia per allevamenti di alta qualità e sostenibilità e allevamenti che tengono conto della quantità – aggiunge Polegato - La nostra carne nasce da un sistema di allevamento che, per sicurezza e qualità, non ha eguali al mondo, consolidato anche grazie a iniziative di valorizzazione messe in campo dagli allevatori, con l’adozione di forme di alimentazione controllata, disciplinari di allevamento restrittivi, sistemi di rintracciabilità elettronica e forme di vendita diretta della carne attraverso le fattorie e i mercati di Campagna Amica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Maltempo, albero cade e travolge un'auto: vigilante ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Gli immigrati della Serena devono tornare a casa loro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento