Videosorveglianza alle fermate dei bus: ipotesi progetto da 2 milioni di euro

L'autorità urbana montebellunese-castellana-asolana ha presentato un'importante proposta legata alla sicurezza nell'ambito della Sisus. Un progetto per monitorare le linee Mom

È di due milioni di euro lo stanziamento per gli impianti videosorveglianza alle fermate e ai nodi interscambio delle linee di Mom nell’area urbana montebellunese-castellana-asolana nell’ambito del progetto Sisus (Strategie integrate di sviluppo urbano sostenibile).

Questo il tema clou del consiglio di partenariato che si è tenuto lunedì 16 settembre a Montebelluna alla presenza del presidente dell‘autorità urbana, Marzio Favero, del responsabile dell’AU, e dei rappresentanti dei Comuni coinvolti (Comuni di Asolo, Castelfranco Veneto, Altivole, Caerano di San Marco, Istrana, Maser, Riese Pio X, Trevignano e Vedelago). Si tratta di uno dei dieci interventi dedicati alla mobilità e ai sistemi di trasporto intelligenti il cui obiettivo è quello di incentivare l’utilizzo del traporto pubblico locale nell’Area Urbana, migliorando la qualità e l’accessibilità del servizio e rendendo più confortevoli i mezzi. Esso prevede che siano installati impianti alle fermate e nei principali nodi di interscambio della rete del trasporto pubblico locale dell’area. I nodi di interscambio (Ferrovia – TPL) e le fermate degli autobus costituiscono, infatti, nelle specificità dell’area urbana Asolano-Castellana-Montebellunese punti sensibili di rilievo per la sicurezza dei cittadini in generale e per particolari categorie tipiche utilizzatrici del traporto pubblico (popolazione studentesca, anziani).

IMG_5385-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spiega il presidente dell’autorità urbana, Marzio Favero: «Quello della videosorveglianza è stato uno dei punti discussi fin dal momento in cui abbiamo avanzato la candidatura e sul quale ci siamo confrontati con i tecnici della Regione. Se da un lato Mom provvede alla attivazione della videosorveglianza a bordo dei mezzi, i Comuni, dall’altro, si attiveranno per dispiegare una rete di telecamere presso le fermate e le stazioni delle corriere, sia nel contesto urbano sia in quello extraurbano, ove può risultare più rado il controllo sociale garantito dalla presenza delle abitazioni e di luoghi di frequentazione. Peraltro, le telecamere di ultima generazione sono computer dotati di più obbiettivi che permettono una copertura a 360 gradi; la loro collocazione alle fermate potrà risultare complementare rispetto a sistemi di videosorveglianza già attivi nei Comuni. L’assemblea dell’autorità urbana ha condiviso di attivare un gruppo di lavoro tecnico, formato dai responsabili dei Ced e dai comandanti della Polizia locale dei 10 Comuni, per definire un progetto adeguato e omogeneo con l’individuazione dei siti e delle soluzioni tecnologiche».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento