Terapie intensive, restano liberi 18 posti letto: «Pronti ad aumentarli»

L'Ulss 2 risponde all'interpellanza dei consiglieri comunali Alessandro De Bastiani e Mirella Balliana. Ancora in stand-by quattro posti di terapia intensiva a Vittorio Veneto

Letti di terapia intensiva (Foto d'archivio)

I consiglieri comunali di Vittorio Veneto Alessandro De Bastiani e Mirella Balliana hanno presentato nelle scorse ore un'interpellanza urgente chiedendo all’Ulss 2 di fare chiarezza sullo stato delle terapie intensive negli ospedali della Marca.

Secondo quanto riportato dai consiglieri, nella giornata di mercoledì 18 novembre l'Ulss 2 avrebbe occupato tutti i posti letto di terapia intensiva a Vittorio Veneto e a Treviso, con un unico posto libero rimasto a Conegliano. «Nello specifico - si leggeva nell'interpellanza - a Vittorio Veneto sarebbero attivi solo otto posti letto, rispetto ai 13 (4 permanenti e 9 riconvertibili) previsti dal "Piano emergenziale per l'autunno 2020" (in allegato 1), stilato dalla Regione ai primi di agosto».

La replica dell'Ulss 2

La risposta dell'azienda sanitaria trevigiana non si è fatta attendere: «I posti letto di terapia intensiva occupati sono 38 su un totale di 56: restano, quindi, ancora 18 posti letto a disposizione e l'azienda è pronta a potenziare la dotazione nel caso ce ne fosse la necessità. Il trend per quanto riguarda la terapia intensive è positivo. Consistente è il numero dei ricoveri nei reparti “ordinari” ma anche su questo versante la situazione è sotto controllo e anche su questo fronte l’Ulss 2 è pronta ad attivare nuove realtà, già indivuate e predisposte, nel caso ce ne sia la necessità. Questo per quanto riguarda l’attuale occupazione dei posti letto nei presidi ospedalieri. Per quanto concerne, invece, la realtà di Vittorio Veneto va sottolineato come nell'ospedale di Costa siano ad oggi stati attivati, come previsto dalla Dgr 552/2020, già otto posti di Terapia intensiva che possono arrivare sino a 18 con l'implementazione delle risorse già presenti in tale servizio.

Per quanto riguarda, infine, l’attivazione dei 4 posti letto di Terapia Intensiva presso l'ospedale di Vittorio Veneto, come previsto dalla Dgr n.614/2019, si era già provveduto insieme all'Ufficio Tecnico al sopralluogo e all'avvio dei lavori di verifica presso i locali individuati in epoca pre-covid, nonché all'individuazione dei finanziamenti necessari. In fase operativa si è però dovuto tener conto delle sopraggiunte indicazioni nazionali, e in particolar modo alle direttive dell'epidemia Covid-19 (vedi indicazioni Commissario Arcuri). Attualmente l’iter relativo ai lavori necessari all'implementazione dei posti letto è in fase di revisione e nei giorni scorsi l'Ufficio tecnico ha effettuato le necessarie rivalutazioni» conclude l'Ulss 2.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Corre in strada nuda e insanguinata: i residenti chiamano la Polizia

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento