Coronavirus, Tessitura Monti avvia la produzione di mascherine filtranti

Le mascherine saranno destinate in primis alle attività produttive per garantire la sicurezza dei lavoratori. Realizzate in tessuto 100% cotone, hanno superato tutti i test

In foto una delle mascherine prodotte da Tessitura Monti

Tessitura Monti SpA in amministrazione straordinaria ha risposto all'appello delle istituzioni per fronteggiare l’emergenza sanitaria e, forte delle competenze maturate in oltre 100 anni di attività nella tessitura e nel finissaggio dei tessuti, ha riconvertito in parte i propri processi per produrre mascherine filtranti ai sensi dell’articolo 16 del Decreto Legge “Cura Italia”.

L’azienda ha completato tutto l’iter previsto affinché la produzione sia pienamente conforme alla normativa UNI EN 14683. La produzione che ha preso il via in questi giorni sarà destinata in primis alle aziende con l’obiettivo di garantire la sicurezza dei lavoratori. A regime la produzione potrà superare il milione di mascherine al mese per circa 30mila metri di tessuto utilizzato. Le mascherine prodotte da Tessitura Monti sono state testate e certificate da un laboratorio accreditato, che ha validato il prodotto secondo le norme tecniche in vigore in quanto risponde alle esigenze di traspirabilità, efficienza di filtrazione batterica e pulizia da microbi. La particolare struttura del tessuto e il trattamento specifico effettuato permettono la combinazione di ottima traspirabilità e filtrazione, oltre alla possibilità di riutilizzare il prodotto più volte - le caratteristiche della mascherina si mantengono fino a dieci lavaggi - con un grande risparmio di risorse e maggiore attenzione per l’ambiente rispetto ai dispositivi usa e getta. Le mascherine sono prodotte in tessuto di cotone certificato Oekotex 100 in grado di assicurare una migliore vestibilità e comfort. Tessitura Monti ha messo a punto l’intero processo produttivo dotandosi dei macchinari per realizzare, oltre alla tessitura e finissaggio del tessuto attraverso specifiche procedure, anche il confezionamento e il packaging del prodotto, sia nello stabilimento di Maserada sul Piave che in collaborazione con alcuni partner industriali.

«Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti in breve tempo, considerando le oggettive difficoltà del contesto, grazie alle elevate competenze tecniche presenti in azienda e la forte motivazione dei dipendenti - afferma Fabio Pettinato, Commissario straordinario di Tessitura Monti - Stiamo completando i test anche per classificare le nostre mascherine quali “dispositivi medicali” ai sensi dell’articolo 15 del Decreto “Cura Italia” in deroga al marchio CE e nei prossimi giorni avvieremo l’iter autorizzativo che permetterà di utilizzare le mascherine anche in ambienti di assistenza e ospedalieri. Nell’arco di qualche settimana dovremmo avere riscontri positivi, nel frattempo ci concentriamo sulla sicurezza dei lavoratori, fornendo i dispositivi a tutte le realtà aziendali che dovranno assicurare le necessarie precauzioni ai propri dipendenti alla riapertura delle attività». Tessitura Monti ha preso contatto con le istituzioni locali per mettere a disposizione gratuitamente di tutti i residenti del Comune di Maserada sul Piave dove ha sede l’azienda, il primo lotto di 10mila mascherine. Le aziende e le realtà interessate a raccogliere maggiori informazioni sull'iniziativa potranno contattare Tessitura Monti all'indirizzo mail: mascherine@monti.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento