Topi nel giardino della scuola di Biadene, la direzione: «Caso isolato»

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, Comune e scuola hanno voluto fare chiarezza sulla vicenda. Le trappole piazzate in giardino dall'istituto non hanno catturato nessun topo

Dopo l’allarme scattato nei giorni scorsi per la presenza di topi alla scuola Baracca di Biadene, l’amministrazione e la direzione scolastica hanno voluto precisare quanto segue: «In primo luogo è opportuno chiarire che l’avvistamento di uno o più topi avvenuto da parte di una mamma e di un’insegnante ha interessato il cortile della scuola, non l’edificio scolastico. E’ possibile che le piogge intense degli ultimi giorni abbaino spinto i ratti a muoversi nella campagna vicina. Infatti, come è noto, in tutti i campi vi è anche la presenza dei topi di campagna, presenza del tutto naturale e tale da non costituire pericolo e quindi il passaggio di eventuali ratti nel cortile è da ricondurre ad un episodio.

Il pericolo, semmai, si pone se si forma una colonia di topi in un contesto residenziale o scolastico. A distanza di due giorni dal loro posizionamento le trappole sistemate nel giardino non hanno intercettato nessun roditore. Evidentemente si è trattato di un episodio. Va detto che i rappresentanti dei genitori della scuola primaria di Biadene hanno ringraziato il direttore scolastico per averli informati del problema e per essersene preso carico ed esprime disagio rispetto ad alcune dichiarazioni comparse negli articoli perché da parte loro non ci sono state quelle prese di posizione categoriche cui si fa riferimento nella stampa. Su queste cose è bene avere grande attenzione -  conclude la scuola - perché i bambini hanno diritto a vivere in un ambiente assolutamente salubre e sicuro. Non a caso, sopratutto sul tema della sicurezza antisismica, il Comune e la direzione scolastica stanno lavorando per la nuova sede che è in corso di progettazione. Ma ogni cosa va riportata alle giuste proporzioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento