menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'installazione dei dispositivi di sicurezza (Foto tratta da Facebook)

L'installazione dei dispositivi di sicurezza (Foto tratta da Facebook)

Grattacielo di Via Pisa: «Chi entra dovrà farsi riconoscere»

Installati i nuovi dispositivi di sicurezza all'ingresso della Tower House trevigiana. Uno degli edifici più a rischio a livello di sicurezza e degrado in città. Il plauso di Acampora

Novità importante per la Tower House di Via Pisa a Treviso. L'amministratore del grattacielo, Alessandro Zuin, ha disposto l'installazione di un nuovo dispositivo per il controllo accessi all'interno del palazzo.

Da oggi chi vorrà entrare all'interno della Tower House dovrà prima identificarsi e fornire le proprie generalità. In questo modo le forze dell'ordine potranno sapere in ogni momento chi entra ed esce dall'edificio già finito al centro di numerose polemiche e fatti di cronaca in passato. Le operazioni di installazione dei dispositivi di sicurezza sono avvenute nella mattinata di venerdì 29 novembre. Le immagini sono state condivise sui social dallo stesso amministratore del grattacielo e hanno suscitato pareri principalmente favorevoli, raccogliendo anche il plauso del consigliere comunale Davide Acampora che, via Facebook, ha voluto elogiare l'iniziativa. Non è mancata però anche qualche critica per un dispositivo di controllo che rischia di rendere simile a un ghetto la Tower House trevigiana. Bisognerà vedere nelle prossime settimane se il sistema di controllo e identificazione porterà i risultati sperati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Attualità

Conegliano dà l'addio a "Mamma Africa": morta per Covid a 50 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento