Ultimo weekend di agosto, le previsioni per il traffico in autostrada

Ultime partenze e seconda tranche di rientri nell'ultimo fine settimana di agosto. Aumentano i flussi verso le località marittime di Veneto e Friuli, in calo il traffico verso la Croazia

Traffico in autostrada (Foto d'archivio)

Inizia il fine settimana dei grandi rientri dalle vacanze con bollino rosso nelle giornate di sabato 29 e domenica 30 agosto. Sui 30.000 km di rete stradale e autostradale Anas (Gruppo Fs Italiane) è infatti previsto un incremento dei flussi di traffico lungo la direttrice Sud-Nord del Paese per i maggiori spostamenti del controesodo che si uniscono ai rientri dell’ultimo fine settimana di agosto verso i grandi centri urbani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Località marine del Veneto al top durante i weekend estivi. I caselli cosiddetti “balneari” infatti, sono quelli che registrano un incremento dei flussi, in uscita, rispetto allo scorso anno. Durante l’ultimo fine settimana (sabato 22 e domenica 23 agosto), il casello di Latisana ha registrato un più 7% nella giornata di sabato e un più 1% nella giornata di domenica. In aumento pure San Stino (in direzione Caorle) e Meolo da dove il traffico si dirige verso la Treviso-mare (in entrambi i caselli + 2%). In netto calo i transiti, in uscita da Trieste Lisert (-17%) e Villesse (-39%) i due caselli attraverso i quali passa il traffico diretto verso la Croazia e, più in generale, tutte le località della costa dalmata. In questo ultimo weekend di agosto si assisterà alle ultime partenze e alla seconda tranche di rientri (dopo quella del fine settimana precedente). Sull’andamento del traffico peserà, però, il maltempo previsto nelle giornate di sabato e domenica. In considerazione del meteo e, sulla base dei dati registrati da inizio luglio (- 23% di transiti sull’intera rete il sabato e – 18% la domenica), Autovie Venete ha previsto per sabato 29 un flusso compreso fra i 138 mila e i 144 mila transiti, mentre quelli per domenica 23 agosto sono compresi fra i 126mila e i 132mila. La Società autostradale ha previsto un rinforzo degli esattori in particolare ai caselli di Latisana, San Stino di Livenza e San Donà di Piave. Tre i presidi di soccorso meccanico: Latisana, Palmanova e Udine Sud. Fondamentale poi il ruolo della Croce Rossa Italiana incaricata di svolgere i presidi sanitari nei punti strategici dell’autostrada. Ai piazzali di San Giorgio di Nogaro e di San Donà di Piave i volontari della Cri, affiancati all’occorrenza da infermieri, sono pronti a prestare soccorso – su indicazione del Centro Radio Informativo di Autovie – in caso di incidente. Un primo aiuto indispensabile, attivo durante questa fase di esodo e controesodo dalle 10 alle 20. Autovie ricorda, infine, che è in vigore nel fine settimana il divieto di transito per i mezzi pesanti: dalle 8 alle 16 di sabato 29 agosto e dalle 7 alle 22 di domenica 30 agosto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • La fortuna bacia un trevigiano: vinti 300 mila euro al "Miliardario"

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Questo è il periodo della zucca: 4 ricette tipiche buonissime

  • Zaia, nuova ordinanza per le scuole superiori: «Didattica digitale al 75%»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento