Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attualità Sant'Antonino / Piazzale dell'Ospedale

Ca' Foncello, in aumento i pazienti in dialisi e i trapianti di rene

I dati del reparto di Nefrologia resi noti dal direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi. Da inizio anno già due trapianti di rene da donatore vivente: 175 pazienti ricoverati nei primi quattro mesi dell'anno, 38 attualmente in dialisi domiciliare

Nei primi quattro mesi del 2023 sono già 175 i pazienti ricoverati nel reparto di Nefrologia dell'ospedale Ca' Foncello, dodici di loro sono stati sottoposti a trapianto renale. «Se questo trend continuerà anche nei prossimi mesi, supereremo i numeri del 2022 quando c'erano stati 509 ricoveri, 24 trapianti di rene e oltre 30mila prestazioni erogate». A dirlo, lunedì 19 giugno, è Francesco Benazzi, direttore generale dell'Ulss 2 Marca trevigiana.

Nefrologia Treviso-2

«Entro fine anno - continua - contiamo di arrivare a fare tra i 40 e i 50 trapianti renali. Da segnalare che, da inizio anno, sono stati già due i trapianto di rene da donatore vivente. Un intervento chirurgico maggiore di alta complessità, eseguito in anestesia generale che consiste nell'inserimento, nell'addome del paziente, di un rene sano prelevato da un donatore ancora in vita». Altro aspetto su cui l'Ulss 2 sta investendo molto sono le dialisi peritoneali, si tratta cioè di trattamenti di dialisi domiciliari, fatti nelle case dei pazienti grazie alla presenza del personale sanitario dell'Ulss. L'anno scorso erano stati 45 i pazienti che avevano benificiato del servizio mentre, nei primi quattro mesi del 2023, sono già 38 i pazienti seguiti a domicilio (quasi il 15% del totale delle persone attualmente in dialisi nell'Ulss 2). «Un numero destinato ad aumentare ancora entro fine anno» conclude il direttore generale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ca' Foncello, in aumento i pazienti in dialisi e i trapianti di rene
TrevisoToday è in caricamento