A Treviso il camp sulla progettazione 3D: "Pensiamo al futuro della manifattura italiana"

THE3DGROUP ha creato un nuovo campus gratuito: “Mostriamo ai bambini che coi computer non si inventano solo app, videogiochi o social network, ma si 'creano' le cose"

Roberto Rizzo, Presidente di THE3DGROUP

TREVISO Basta un giorno per insegnare a progettare in 3D ad un bambino di 10 anni? Non proprio, ma basta per fargli capire che quello potrebbe essere il suo futuro lavoro. È questa la logica con cui Roberto Rizzo, ingegnere trevigiano alla guida di THE3DGROUP, ha ideato il “3D Digital Camp”, campus completamente gratuito per ragazze e ragazzi dai 9 ai 13 anni interessati a scoprire le nuove tecnologie del mondo 3D.  Una giornata di corso intensivo nella città dello sport “La Ghirada” a Treviso. Poche ore ma sufficienti a un bambino per imparare, guidato da tecnici esperti, le basi del funzionamento di SolidWorks (uno dei più diffusi software per la progettazione industriale) e per ideare, progettare e poi stampare in 3D un piccolo gioco. Ognuno lavora su un computer con i software più aggiornati e possono utilizzare stampanti 3D ad alte prestazioni: un’esperienza non comune per gli studenti delle scuole elementari e medie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È sorprendente vedere la facilità con cui i ragazzini imparano le basi della programmazione - spiega Rizzo - Quello che vogliamo è farli entusiasmare a questo mondo, in un periodo della vita in cui sono chiamati a fare delle scelte scolastiche che indirizzeranno il loro futuro. Con noi possono rendersi conto che tutti gli oggetti che li circondano, anche nelle loro componenti più piccole, sono stati pensati, progettati, testati da qualcuno. Spesso i ragazzi non hanno occasione di 'vedere' le opportunità che questo settore offre, o lo scoprono troppo tardi. Se pensano a un lavoro coi computer si immaginano a progettare app, videogiochi, o nuovi social network, mentre c’è tutto il mondo della manifattura italiana che si sta evolvendo e avrà bisogno di figure professionali per sopravvivere. Per questo penso valga la pena investire in spazi, tecnologie e personale per offrire gratuitamente questa esperienza; ci auguriamo di contribuire a creare i progettisti del futuro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento