rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Attualità Centro

Porta Santi Quaranta e San Tomaso aperte al pubblico ogni quarta domenica del mese

Accordo stretto tra Treviso sotterranea e l'associazione artigiani e commercianti di Borgo Cavour e via Canova. La meraviglia delle "sale d'armi" saranno visitabili dai trevigiani e dai turisti

Dopo aver ottenuto dal Comune di Treviso la gestione dalla sala d’armi di porta San Tomaso, a partite dal giugno 2023, l’associazione Treviso Sotterranea lancia il progetto “Porte Aperte”, in collaborazione con l’Associazione Artigiani e Commercianti per Borgo Cavour e Via Canova, attuale gestore di Porta Santi Quaranta. A partire da domenica 28 aprile, e poi regolarmente nella mattinata della quarta domenica di ogni mese, dalle ore 9.30 alle ore 12.30, sarà possibile visitare le sale d’armi di porta San Tomaso e di porta Santi Quaranta. Gli spazi dei sottotetti saranno aperti a gruppi e a visitatori singoli che potranno presentarsi direttamente agli ingressi delle porte in prossimità dei 3 turni di visita (9.30, 10.30 e 11.30), lasciando un’offerta libera a rimborso delle spese assicurative.

Le due porte ospiteranno, inoltre, due mostre temporanee. Presso porta San Tomaso sarà visibile la mostra “Porta San Tomaso. Connubio perfetto di arte militare architettura e tecnologia”, che permetterà ai visitatori di riconoscere l’unicità di un monumento simbolo della città di Treviso, una delle porte urbiche più affascinanti del panorama storico-artistico nazionale. Presso Porta Santi Quaranta sarà ospitata la mostra “Le porte e le mura della storia”, che illustrerà la storia delle tre porte urbiche e delle mura nel corso dei secoli. Queste aperture permetteranno di entrare all’interno di alcuni fra i monumenti più significativi e rappresentativi della città, non solo ai trevigiani, ma anche ai turisti che, sempre più frequentemente, visitano e apprezzano la nostra città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta Santi Quaranta e San Tomaso aperte al pubblico ogni quarta domenica del mese

TrevisoToday è in caricamento