rotate-mobile
Attualità

Cento candeline per la professoressa di matematica di Lucio Dalla

Artes Monticelli Rasponi è stata insegnante di scuola media all'Istituto Pio X di Treviso dal 1940 al 1982. Tra i suoi studenti anche il noto cantautore, scomparso nel 2012

«A me gli occhi e giù le penne». Per quarantadue anni  è stato il suo "mantra", l'esortazione all'apparenza severa che però, nel corso dei decenni, era diventata semplicemente la frase "tipica" che segnava l'inizio delle sue lezioni di matemativa. Oggi, 4 gennaio, Artes Monticelli Rasponi, storica insegnante delle scuole medie all'istituto Pio CX di Treviso ha compiuto 100 anni. A segnare il traguardo tagliato è stata la consegna, da parte del presidente del Consiglio Comunale Giancarlo Iannicelli (in rappresentanza del sindaco Mario Conte) del consuento diploma di felicitazioni da parte dell'Amministrazione.

Trapiantata a Treviso nel 1940 la Monticelli Rasponi aveva iniziato subito a insegnare matematica presso la famosa scuola trevigiana, che allora era un collegio. Ha praticamente insegnato a tutte le generazioni delle famiglie in vista a Treviso: i Monti, gli Archiutti, i Biasuzzi, i Tognana, i Benetton  e l'intera famiglia Manildo, compreso - nell'ultimo periodo di lavoro a scuola, all'inizio degli anni '80  - il futuro sindaco di Treviso Giovanni.

Ma è a Lucio Dalla che si deve la "fama" della Monticelli Rasponi. Il cantautore, scomparso nel 2012, aveva trascorso tre anni, dal 1954 al 1957, a Treviso, alunno del collegio e a causa del lavoro dei genitori. «Mia madre - racconta il figlio Stefano, fratello di Riccardo, storico proprietario dello storico Stereo Club, scomparso sei anni fa, amava raccontare che quel  diploma venne fuori un po'... a spinta: all'esame esame se non si fossero accordati per la farsa sarebbero stati ancora lì a provarci. Dalla non era uno zuccone, ma pensava ad altro».


  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cento candeline per la professoressa di matematica di Lucio Dalla

TrevisoToday è in caricamento