L'ex di Christian Barzan: «Mi ha costretta, ha chiuso la portiera e mi ha portato via»

Giorgia Biglieri, 21 anni, rompe il silenzio e chiarisce la sua versione ai microfoni di Antenna Tre: non era, secondo lei, l'ultimo appuntamento ma un chiarimento

Giorgia Biglieri parla su Antenna Tre

«Quella sera non era un appuntamento. E io sono stata costretta, sotto minacce, sotto pressioni... per tanto tempo». Giorgia Biglieri rompe il silenzio. La ragazza 21enne che accusa l'ex fidanzato Christian Barzan di aver causato volontariamente l'incidente in cui il 7 giugno è morta Giuseppina Lo Brutto sceglie i microfoni di Antenna 3 per raccontare quella che dice esere "la verità".

«Io avevo addosso la mia camicia da lavoro -dice- per me doveva essere una cosa di dieci minuti da trascorrere nel parcheggio vicino a casa mia ma una volta entrata nella sua auto lui ha chiuso le portiere e mi ha portato via da qui». «Il nostro dialogo non avrebbe dovuto essere per per chiarire, assolutamente, ma semmai una una riconferma di cose che comunque ci eravamo già detti. Quella sera io e lui dovevamo chiarire la situazione nel senso che semplicemente gli dovevo dire che la cosa... la nostra storia per me era finita già da inizio anno. Non era un incontro chiarificante tra di noi per riunirci, assolutamente no».

GUARDA IL VIDEO DELL'INTERVISTA ANDATA IN ONDA

«Io avevo preso la mia decisione -puntualizza mentre continua nel suo racconto- e volevo rimanere con quella, dopo di che lui mi avrebbe dovuto lasciare stare. E invece no, così non è stato. Io credo che sia giusto informare la gente della verità e non delle cose che sono state dette in quest'ultimo periodo. Ed è anche importante specificare che ci abbiamo messo un po' di tempo perché comunque era giusto tributare rispetto alla famiglia della persona che oggi non c'è più».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

  • Incidente mortale in Treviso Mare: motociclista muore a 61 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento